In Cina a dicembre i casi di 'influenza' sono stati dieci volte più del normale

L'ultimo mese del 2019 1,2 milioni di persone hanno contratto la malattia, l'anno prima 130mila. Il sospetto è che Pechino abbia sbagliato le diagnosi e individuato in ritardo il Covid-19

Foto Ansa EPA/ROMAN PILIPEY

I casi di influenza in Cina lo scorso dicembre sono stati dieci volte più del normale, una cifra che fa sospettare che Pechino possa sbagliato le diagnosi e sottovalutato allora l'arrivo del Covid-19.

Casi in forte aumento

Le autorità sanitarie hanno segnalato 1,2 milioni di casi di influenza nell'ultimo mese dello scorso anno, un numero altissimo rispetto ai 130.442 casi registrati nello stesso mese nel 2018, l'anno prima. La cifra è anche quasi il doppio di quella del gennaio 2019, mese di picco dell'anno precedente per i contagi da influenza nel gigante asiatico, quando i casi registrati sono stati registrati 608.511. Come riporta il Times le cifre arrivano dal Centro cinese per il controllo e la prevenzione delle malattie e sono state analizzate da SindoInsider, un gruppo di consulenza di Taiwan. L'enorme aumento è arrivato proprio nelle settimane prima che Pechino notificasse all'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) l'esistenza di una nuova malattia, cosa avvenuta il 31 dicembre.

I sospetti

"Sulla base dei tempi dell'epidemia di coronavirus di Wuhan, abbiamo ragioni per credere che l'esplosione insolita dei casi di influenza a dicembre possa essere dovuta alla diffusione non rilevata del coronavirus", ha sostenuto SinoInsider che ha detto di stimare che "decine di migliaia di persone potrebbero essere state contagiate da Covid-19 entro la fine di dicembre".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Gli altri studi

Questa nuova rivelazione arriva dopo che un altro studio cinese ha messo in discussione le ricostruzioni ufficiali dello scoppio dell'epidemia, affermando che l'origine del contagio non sarebbe stata il mercato di Wuhan e che lo scoppio sarebbe avvenuto all'inizio di dicembre. Un'inchiesta giornalistica dell'Associated Press ha denunciato poi che il governo di Xi Jinping avrebbe ritardato la trasmissione di dati e informazioni sull’allora nuovo coronavirus rallentando il lavoro dell'Organizzazione mondiale della sanità (Oms) nel monitoraggio delle polmoniti anomale e letali che si stavano verificando a Wuhan.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rissa tra turisti e polizia, in Belgio accesso alle spiagge limitato ai residenti

  • Scrive "vuoi sposarmi?" con 100 candeline, e la casa prende fuoco

  • Omicidi e guerre tra narcotrafficanti: in Svezia e Olanda è emergenza criminalità

  • Casi in aumento ma ai ravers non importa: tekno party con 10mila persone

  • Per fermare il coronavirus in Galizia vietato anche fumare per strada

  • Svedesi via da casa a 17 anni, italiani a 30. Ma in Ue c'è chi è più "mammone" di noi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
EuropaToday è in caricamento