Sabato, 24 Luglio 2021
Attualità

"Il Covid-19 non è nato nel mercato di Wuhan", studio cinese riscrive la storia del virus

Finora era l'indiziato numero uno da parte del mondo scientifico, ma la ricerca, che trova d'accordo anche ricercatori Usa, ritiene che la pandemia sia partita altrove. Il paziente zero individuato a inizio dicembre 2019

Il mercato di Wuhan

Il mercato di Wuhan, in Cina, potrebbe non essere il 'luogo di nascita' del Covid-19, ma semmai il 'trampolino di lancio' verso la pandemia. Questa è almeno la conclusione di una ricerca cinese recentemente pubblicata sulla prestigiosa rivista scientifica "Nature".

"Il mercato sembra essere una delle vittime del virus", ha affermato Gao Fu, direttore del China Center for Disease Control. La ricerca è stata condotta su campioni di animali messi in vendita al mercato. Questi campioni hanno mostrato risultati negativi per il coronavirus. "Da ricercatore, non trovo alcun indizio che mi spinga a dire che questo mercato è la fonte del virus", ha affermato Colin Carlson, biologo statunitense ed esperto di malattie infettive alla Georgetown University. "Questo è un virus animale che ha fatto il salto nell'uomo - continua Carlson - Forse grazie ai pipistrelli. Forse da un altro animale o capo di bestiame. Non abbiamo ancora informazioni su come e dove. Scoprirlo richiede tempo. Ricordo che ci sono voluti 15 anni per definire l'origine della SARS".

Un altro studio recente ha permesso di individuare il "paziente zero" in un soggetto che presentava i sintomi già l'1 dicembre 2019. A differenza di molte altre persone che appartenevano al primo gruppo di pazienti, questo soggetto non era stato al mercato di Wuhan. Cosa che rafforza l'idea che il virus abbia avuto origine altrove.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Il Covid-19 non è nato nel mercato di Wuhan", studio cinese riscrive la storia del virus

Today è in caricamento