menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'influencer Famke Louise / Wikipedia

L'influencer Famke Louise / Wikipedia

Influencer negazionista parla con medico e si pente. Bufera sui vip che boicottano le misure anti-Covid

Succede di Olanda: Famke Louise aveva invitato con un video su Instagram il suo milione di follower a non rispettare le norme anti-pandemia. Dopo un dibattito in tv con un dottore della terapia intensiva la giovane ha cancellato il post e chiesto scusa

Nei Paesi Bassi alcuni popolari influencer sono finiti al centro delle polemiche dopo che hanno guidato una rivolta contro le misure imposte dal governo di Mark Rutte per frenare la diffusione del coronavirus, rivolta che è finita poi con la ritrattazione e le scuse.

Sotto l'hashtag #ikdoenietmeermee, che significa “io non partecipo più”, la cantante Famke Louise, che su Instagram ha un milione di follower, alcuni giorni fa ha lanciato un appello alla disobbedienza. “Solo insieme possiamo riprendere il controllo del governo”, ha scritto, chiedendo di lasciare “libere le persone”. Louise, che sarebbe stata ispirata da un gruppo negazionista denominato Virus Truth, è stata seguita da altre personalità popolari tra i più giovani, come il rapper Bizzey e i cantanti Tim Douwsma e Thomas Berge. “Non terremo la bocca chiusa”, affermavano in un video, in cui criticavano l'esecutivo Rutte accusandolo di mancanza di “onestà e trasparenza”.

L'Olanda è stato uno dei Paesi che in Europa ha imposto restrizioni meno dure ai propri cittadini, puntando su quello che è stato definito il “lockdown smart”, ma questi giovani artisti affermavano comunque di averne abbastanza e di ritenere ingiustificate le regole sul distanziamento sociale che sono ancora in campo. Louise ha detto che avrebbe "detto no a tutte le misure fino a quando il governo non sarà in grado di giustificarle in modo verificabile".

Ma questa rivolta è arrivata proprio mentre il Paese si trova nella seconda ondata di contagi con i malati in terapia intensiva che hanno raggiunto quota 100 per la prima volta da giugno e i tassi di infezione che sono aumentati del 60% rispetto alla scorsa settimana. Per questo quando la giovane cantante è stata invitata nel talk show Jinek martedì scorso, e messa a confronto con Diederik Gommers, capo dell'associazione olandese per le unità di terapia intensiva, non solo è venuta a galla la fallacia delle sue argomentazioni, ma il pubblico, cosa per lei strana, le ha riservato un'accoglienza freddissima.

"Ero nervosa e non ero in grado di raccontare la mia versione nel modo in cui volevo", ha scritto poi su Instagram Louise, che si è detta stupita del "silenzio totale e della mancanza di sostegno intorno a me". Criticando il suo gesto, alla luce della discussione avuta con il medico nello show, ha annunciato anche che avrebbe cancellato il video in cui chiede ai suoi follower di ribellarsi. "Voglio assumermi le mia responsabilità”, e per questo “rimuoverò quel video perché non supporto più quel messaggio”, ha annunciato.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Perché l’Italia è il primo Paese Ue a bloccare l’export di vaccini

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

EuropaToday è in caricamento