Mercoledì, 23 Giugno 2021
Network

Covid, giudice francese dice no a mascherine all'aperto: "Obbligo viola la libertà"

Succede a Strasburgo, ma i ricorsi contro la misura varata dal governo per frenare i contagi fiocanno anche in altre città del Paese, Parigi compresa. Intanto, l'ultimo bollettino parla di 7mila nuovi casi, mentre 22 scuole sono state chiuse per sospetti focolai di coronavirus

Il Tar di Strasburgo, in Francia, ha bocciato il decreto del prefetto che impone di indossare 24 ore su 24 la mascherina all'aperto e le impone di riscriverlo "entro lunedì" ma evidenziando reali necessità per densità di folla durante certe fasce orarie o in certi comuni o quartieri. Il provvedimento deve essere "rimodulato" e differenziato, in quanto - afferma il Tar - quello generalizzato (mascherine sempre e ovunque per tutti) è "una grave violazione della libertà personale e di circolazione".

La decisione ha già fatto emuli e stamattina analoghi ricorsi sono stati presentati da avvocati a nome di associazioni e semplici cittadini a Parigi, Lione e Nizza. E questo nonostante in Francia il numero dei contagi sia a livelli ritenuti preoccupanti: sono stati più di settemila i positivi confermati dal ministero della Sanità francese nel suo ultimo bollettino. I contagi hanno costretto anche alla chiusura di 22 scuole, da poco riaperte per decisione del governo. Una decisione questa che, al pari delle mascherine obbligatorie, ma per opposte ragioni, ha ricevuto attacchi da diversi genitori e sindacati dei docenti.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Covid, giudice francese dice no a mascherine all'aperto: "Obbligo viola la libertà"

Today è in caricamento