Embraco: telefonata Bruxelles-Brasilia. Tajani: "ministro brasiliano farà tutto il possibile"

Dopo la visita di ieri al Parlamento Ue di una delegazione di lavoratori, il Presidente dell'Eurocamera si è attivato per cercare una soluzione con la società brasiliana. Da Brasilia risposte di massima positive, in attesa di un contatto con la casa madre statunitense

Manifestazione dei lavoratori Embraco. ANSA/ALESSANDRO DI MARCO

Bruxelles-Brasilia in una telefonata, quella del Presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani a Marcos Jorge de Lima, ministro dell'industria brasiliano. Sul filo la questione dei 500 licenziamenti della Embraco, società brasiliana del gruppo a stelle e strisce Whirlpool, di Riva di Chieri. "Il ministro mi ha assicurato - riferisce Tajani il contenuto della conversazione - che farà tutto il possibile per dare una mano e che convocherà l'impresa per capire come evolve la situazione"

Tajani: "Ho chiesto aiuto e collaborazione"

Al ministro, racconta sempre il Presidente dell'Eurocamera, "ho esposto il quadro della situazione di Embraco e chiesto l'aiuto e la collaborazione da parte delle autorità brasiliane, anche nel contesto dei rapporti del Mercosur". La Ue stà giusto attualmente negoziando il nuovo accordo commerciale con i Paesi della regione.

Il ministro "de Lima - ha aggiunto Tajani - ha poi considerato positiva l'idea di contattare gli americani. Noi stiamo cercando di farlo, il mio gabinetto si è messo in contatto con l'addetto commerciale dell'ambasciata Usa" presso l'Ue a Bruxelles. De Lima ha quindi assicurato il suo interessamento per una soluzione positiva della vicenda pur ricordando che Embraco, così come Whirlpool, sono aziende private. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Lavoratori al Parlamento Ue: "Ci dicano se sono aiuti di Stato"

La telefonata di Tajani arriva dopo la visita di una delegazione di lavoratori della fabbrica di Riva di Chieri ieri a Bruxelles in cui chiedevano un intervento della Ue sia sul fronte dell'analisi degli eventuali aiuti di Stato concessi alla società brasiliana nel quadro della delocalizzazione in Slovacchia che su quello di una normativa Ue per la responsabilità sociale delle imprese. Sul primo punto la Commissione Ue riferirà in aula a Strasburgo il prossimo 14 marzo, mentre sul secondo i tempi sono lunghi, oltre al fatto che la volontà politica di affrontare il dossier in Europa non appare al momento chiara. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il film sui migranti di Rocco Siffredi vince l'Oscar del porno di Berlino

  • Per l'Ue anche l'Italia è zona rossa: si salva solo la Calabria (che però perde il "bollino" verde)

  • Svezia sicura della sua strategia, elimina anche le restrizioni per anziani e vulnerabili

  • L'Olanda manda i malati di Covid in Germania: "Nelle terapie intensive solo 200 posti ancora liberi"

  • Erdogan su Macron: "Ha problemi mentali". Conte col presidente francese: "Parole inaccettabili"

  • Dopo la Brexit il Regno Unito pensa di espellere i senzatetto stranieri

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
EuropaToday è in caricamento