rotate-mobile
Sabato, 24 Febbraio 2024
La battaglia legale

La Vespa batte il colosso cinese: la sua forma non potrà essere copiata (almeno in Europa)

Dopo una lunga battaglia legale, il Tribunale Ue ha dato ragione alla Piaggio

La forma della Vespa ha un "carattere iconico" che la contraddistingue in tutto il mondo, e pertanto rappresenta un marchio che va protetto dai tentativi di imitazione. Lo ha stabilito il Tribunale dell'Unione europea, che ha dato ragione alla Piaggio dopo una lunga battaglia legale che l'ha vista contrapposta al colosso cinese Zhejiang Zhongneng industry group (Znen). 

Tutto nasce nel 2013, quando l'azienda italiana decide di proteggere la sua storica moto da eventuali imitazioni, presentando all'Ufficio dell'Unione europea per la proprietà intellettuale (Euipo) una domanda di registrazione del "segno tridimensionale corrispondente alla forma di uno scooter Vespa". La richiesta viene accolta e nel 2014 la forma della Vespa diventa un marchio tutelato dei prodotti "scooter" e "modelli ridotti di scooter". I cinesi di Znen, che nel 2018 hanno puntato il mercato italiano acquisendo la Moto Morini di Bologna, non ci stanno e presentano ricorso per far annullare il marchio.

Il marchio Vespa

Nel 2021, l'Euipo dà ragione ai cinesi, sostenendo la "mancanza di prova del carattere distintivo" della forma della Vespa e annullando la registrazione del marchio. Ma la Piaggio non si arrende, e fa appello al Tribunale Ue. Oggi la sentenza dei giudici di Lussemburgo, che ribalta il giudizio dell'Euipo, ritenuto "un errore di valutazione". Secondo il Tribunale Ue "gli elementi di prova dimostrano il carattere distintivo acquisito dall'uso del marchio (Vespa) nell'insieme dell'Unione". Un marchio Ue registrato, spiegano i giudici, "non può essere dichiarato nullo se, per l'uso che ne è stato fatto, ha acquisito un carattere distintivo dopo la registrazione". Piaggio ha presentato a Euipo diversi elementi di prova pertinenti, quali sondaggi d'opinione, dati relativi al volume delle vendite, nonché la circostanza della presenza della Vespa al Museum of Modern Art di New York, l'utilizzo degli scooter Vespa in film di fama mondiale come 'Vacanze romane' o ancora la presenza di club Vespa in numerosi Stati membri. "Questi elementi indicano il carattere iconico" dello storico scooter italiano e "quindi la sua riconoscibilità globale nell'insieme dell'Unione", hanno stabilito i giudici. La Vespa, dunque, non può essere imitata.

Continua a leggere su Today

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Vespa batte il colosso cinese: la sua forma non potrà essere copiata (almeno in Europa)

Today è in caricamento