menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
I verdi festeggiano a Bordeaux

I verdi festeggiano a Bordeaux

I verdi trionfano alle elezioni comunali in Francia, fiasco per Macron

Il partito del presidente fuori dal governo delle grandi città potrebbe adesso puntare su una svolta ecologista per lanciare la corsa alla rielezione all'Eliseo. E respingere l'assalto di Marine Le Pen, il cuo nuovo partito conquista per la primia volta un centro oltre i 100mila abitanti

C'è anche Strasburgo, fino alle scorse elezioni europee roccaforte di La République en marche, il movimento del presidente Emmanuel Macron, tra le città conquistate dai verdi alle elezioni comunali che si sono concluse ieri in Francia. Un risultato storico per il partito ecologista, che ha trionfato anche a Lione e Bordeaux, tra le altre grandi città. E pure Parigi, dove la sindaca socialista uscente Anne Hidalgo è stata riconfermata, l'impronta 'verde' ha avuto un ruolo fondamentale. Tanto che adesso si parla persino di un rimpasto di governo che porti a un programma maggiormente indirizzato alle istanze ecologiste

Di sicuro, per Macron non è stata una bella domenica. Da un lato, la scarsa affluenza alle urne, dall'altro il fiasco dei suoi candidati a sindaco. L'unico successo si registra a Le Havre, dove è stato eletto l'attuale premier francese Edouard Philippe, che per quanto vicino politicamente a Macron, non fa parte del suo movimento. Certo, è vero che En Marche non ha un radicamento territoriale storico, a differenza dei socialisti, dei repubblicani e anche dei verdi, ma è lo stesso problema da sempre patito dal principale avversario di Macron alla corsa alla presidenza della Repubblica, ossia il Rassemblement national di Marine Le Pen, in crescita nei sondaggi generali e che può gioire per la conquista di Perpignan, la prima grande città in mano al partito alleato della Lega in Europa.

Per Macron, adesso, si tratterà di capire come affrontare la sfida "ecologista". Una fonte dell'Eliseo assicura che il presidente fornirà "risposte forti" e "all'altezza delle sfide e delle aspettative" sui temi verdi in vista di quello che dovrebbe essere il programma degli ultime due anni di presidenza. Il capo dell'Eliseo ha già annunciato l'intenzione di "reinventarsi", ma non è chiaro come sarà l'eventuale nuova veste. Di certo, Macron sa che deve lavorare sodo per respingere l'attacco di Marine Le Pen, sempre più in crescita, anche tra gli elettori moderati. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

EuropaToday è in caricamento