rotate-mobile
Giovedì, 30 Maggio 2024
L'annuncio / Tunisia

Bruxelles stanzia 127 milioni per la Tunisia: "Così aiutiamo Lampedusa"

Metà dei fondi serviranno a sostenere il bilancio tunisino, alle prese con una profonda crisi economica. Il resto finanzierà il contrasto alle partenze verso l'Italia

La Commissione europea tira dritto, e, nonostante le proteste di diversi eurodeputati e organizzazioni umanitarie, ha annunciato lo stanziamento di 127 milioni di euro per la Tunisia nell'ambito del memorandum d'intesa siglato a luglio con il Paese nordafricano. Un pacchetto di risorse che mira a bloccare le partenze di migranti dalla costa tunisina, e che "aiuterà ad affrontare la situazione di emergenza a Lampedusa", scrive Bruxelles in una nota.

Del resto, l'annuncio arriva a pochi giorni dalla visita nell'isola siciliana della presidente della Commissione, Ursula von der Leyen, e rappresenta una prima risposta al piano in 10 punti per Lampedusa che la leader Ue ha lanciato nel corso della missione al fianco della premier Giorgia Meloni. Il pacchetto per la Tunisia prevede 60 milioni di euro che finiranno a sostenere le sgangherate casse del Paese, alle prese con una profonda crisi economica e sociale. Gli altri 67 milioni serviranno invece a finanziare misure di "assistenza operativa sulla migrazione".

Nello specifico, i fondi dovrebbero venire usati per la manutenzione delle navi di ricerca e salvataggio, dei veicoli e di altre attrezzature della guardia costiera e della marina tunisine, ma anche per la protezione dei migranti in Tunisia in collaborazione con l'Alto commissariato dell'Onu per i rifugiati (Unhcr) e il rimpatrio e il reinserimento dei migranti dalla Tunisia ai Paesi di origine. "È inoltre prevista la fornitura di nuove navi, termocamere e altra assistenza operativa, oltre alla necessaria formazione", si legge sempre nella nota della Commissione Ue.

Dei 67 milioni per la migrazione, circa 24,7 milioni fanno parte di progetti già in corso e adottati nel 2022, ha spiegato Bruxelles. Il resto, circa 42 milioni, sono la prima tranche del Memorandum d'intesa, che ammonterebbe a 105 milioni in totale. Una delegazione di funzionari della Commissione si recherà in Tunisia la prossima settimana per discutere l'attuazione del protocollo d'intesa, in particolare le azioni prioritarie.

La scorsa settimana, il gruppo dei Socialisti e democratici al Parlamento europeo, la seconda forza della maggioranza che sostiene l'esecutivo di von der Leyen, aveva chiesto la sospensione del memorandum dopo che la Tunisia aveva negato l'ingresso nel Paese a cinque eurodeputati francesi e tedeschi. Un appello che è rimasto inascoltato. La decisione di oggi, semmai, sembra confermare l'intento di von der Leyen di rafforzare il dialogo e la cooperazione con l'Italia e la premier Meloni, almeno sul tema dei migranti. 

Continua a leggere su Today

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bruxelles stanzia 127 milioni per la Tunisia: "Così aiutiamo Lampedusa"

Today è in caricamento