rotate-mobile
Martedì, 27 Settembre 2022
Il summit

Ue: "La pandemia c'è ancora, troppo presto per considerare il Covid endemico"

Il ministro francese Véran: "Dobbiamo essere pronti in ogni momento a fronteggiare una nuova variante"

 "È troppo presto considerare il Covid-19 un virus endemico, siamo ancora in pandemia. Abbiamo visto nel giro di pochi mesi due varianti". A frenare sull'ipotesi di un rapido addio allo stato di emergenza, sul modello di quanto ha fatto la Danimarca o si appresta a fare il Regno Unito, è stato il ministro francese, Olivier Véran, al termine del Consiglio informale dei ministri della Salute europei. Una visione fatta a nome dell'Ue, dal momento che la Francia ha la presidenza di turno. E che è stata confermata dalla Commissione.

"L'unica certezza del Covid è l'incertezza", ha aggiunto Véran. "Dobbiamo essere pronti a ogni punto a fronteggiare una nuova variante diversa", ha spiegato. Intanto, tutta l'Europa resta in rosso scuro, il massimo livello di contagi e rischio per il Covid stando alla nuova mappa aggiornata dal Centro europeo per il controllo e la prevenzione delle malattie (Ecdc), che rispetto al passato tiene conto non solo della diffusione del virus e dell'incidenza dei casi positivi sui test, ma anche della quota di popolazione vaccinata.  

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ue: "La pandemia c'è ancora, troppo presto per considerare il Covid endemico"

Today è in caricamento