L'Ue si deve preparare a un secondo picco di coronavirus: "È solo questione di tempo"

Secondo la principale consulente scientifica dell'Ue il Covid-19 "è ancora tra noi e circola molto più che a gennaio e febbraio. Non è tempo di un rilassamento completo della quarantena"

Foto Ansa - EPA/NEIL HALL

Un ritorno dei contagi di coronavirus in Europa, con gli Stati che sono ormai quasi tutti nella Fase due, è solo quan questione di tempo, ma è abbastanza sicura.

Ne è convinta la dottoressa Andrea Ammon, consulente scientifico di riferimento dell'Ue sull'emergenza Covid-19, in veste di direttrice dello European Centre for Disease Prevention and Control (Ecdc). La questione sul secondo picco “è quando e quanto grande sarà, dal mio punto di vista”, ha affermato la scienziata intervistata dal Guardian. "Guardando alle caratteristiche del virus, e ai dati sull'immunità nella popolazione dei diversi Paesi, tutt'altro che esaltante fra il 2 e il 14% e quindi con un 85 - 90% di persone esposte, la conclusione è che il virus è ancora tra noi e circola molto più che a gennaio e febbraio", ha spiegato la specialista tedesca. "Non voglio dare un quadro apocalittico ma dobbiamo essere realisti, non è tempo ora di un rilassamento completo", ha avvertito la dottoressa.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In riferimento alle accuse secondo cui l'Europa avrebbe capito troppo tardi la gravità della pandemia, la dottoressa ha sostenuto che solo alla fine di gennaio è diventato chiaro che il virus che stava causando un elevato numero di vittime nella città cinese di Wuhan poteva essere trasmesso da uomo a uomo. È stato per questa ragione che il 26 gennaio l'Ecdc ha consigliato ai governi di rafforzare le capacità dei loro servizi sanitari per timore che venissero sopraffatti. "Abbiamo sottolineato che questi programmi devono essere aggiornati. E in particolare, le strutture ospedaliere devono essere pronte e garantire una capacità di sovraccarico dei posti letti, in generale, e in particolare quelli delle unità di terapia intensiva", ha spiegato la direttrice dell'Ecdc. "Penso che ciò che si è scoperto è che i governi hanno sottovalutato, a mio avviso, la velocità di diffusione", ha concluso Ammon.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Noi lavoriamo per pagare le vacanze agli italiani", settimanale olandese contro gli aiuti Ue

  • Una targa personalizzata Covid 19: "L'ho fatto per ricordare alle altre auto di tenere la distanza"

  • Voli, voucher al posto del rimborso: Bruxelles striglia i governi. Ma rispondono solo in 12

  • I turisti dal Nord Italia sono un rischio: non lo dice la Grecia ma l’Europa

  • Barbecue con carne e vino mentre erano in servizio, inchiesta su tre poliziotti

  • Anche Orban contro il piano di aiuti Ue all'Italia: "Finanzia i ricchi coi soldi dei poveri"

Torna su
EuropaToday è in caricamento