Mercoledì, 29 Settembre 2021
Attualità

La Svezia delle restrizioni soft ora si scopre iper-prudente: la sospensione di AstraZeneca resta

Gli esperti del Paese si prendono ancora almeno una settimana per studiare i casi sospetti. Anche in Norvegia e Danimarca le iniezioni del vaccino non riprenderanno ancora nonostante il via libera dell'Ema

La Svezia ha fatto parlare di sé in tutto il mondo per la sua strategia soft nella risposta al coronavirus, e mai si è fatta spaventare dal numero di contagi o morti del Paese, restando sempre federe alla sua linea morbida e non imponendo mai le restrizioni rigide che si sono viste nelle altre nazioni. E invece per quanto riguarda AstraZeneca Stoccolma si è scoperta più che prudente, e nonostante il via libera definitivo arrivato ieri dall'Agenzia europea del farmaco Ema, ha deciso che la sospensione del vaccino della compagnia anglo-svedese rimarrà in vigore almeno per un'altra settimana.

Il tempo necessario

"Faremo le nostre considerazioni e ci prenderemo il tempo necessario in modo da poter avere fiducia che stiamo prendendo la decisione giusta", ha detto. “Dobbiamo anche dare di nuovo la fornitura alle regioni che stanno facendo le vaccinazioni. Quindi probabilmente ci vorrà circa una settimana dopo che avremo preso la nostra decisione di riprendere le vaccinazioni", ha detto la dirigente dell'agenzia nazionale, Karin Tegmark Wisell, come riporta The Local. “Dobbiamo essere trasparenti e chiari su quale sia la base per la nostra raccomandazione ", ha aggiunto la scienziata, che ha detto di considerare “grave” il fatto che ci sia stato “bisogno di mettere in pausa uno dei nostri vaccini più importanti". Lo stop era stato deciso martedì e l'epidemiologo di Stato, Anders Tegnell, aveva definito la mossa una “misura di precauzione”.

Stop resta anche in Norvegia e Danimarca

E se Italia, Francia e Gremania hanno deciso di ripartire subito con le iniezioni, come la Svezia anche Norvegia e Danimarca hanno deciso di prendersi un altro po' di tempo. "A causa dei numerosi casi gravi in Norvegia, vogliamo esaminare a fondo la situazione prima di trarre una conclusione", ha affermato Geir Bukholm, direttore della Divisione per il controllo delle infezioni presso l'Istituto norvegese per la sanità pubblica. "Ci vorrà del tempo e forniremo un aggiornamento alla fine della prossima settimana", ha aggiunto. Nel Paese il numero di contagi è piuttosto basso e il numero i decessi da inizio pandemia sono stati soli 648. Per la Svezia le cose invece sono più complicate con le autorità sanitarie che hanno registrato 6.467 nuovi casi di coronavirus nelle ultime 24 ore e otto nuovi decessi, con 264 persone sono attualmente in terapia intensiva. I decessi dall'inizio della pandemia sono stati oltre 13mila. "Non abbiamo una tendenza al ribasso", ha detto Wisell, avvertendo i cittadini che "abbiamo paura che ci saranno più casi nella settimana in corso rispetto alla settimana passata". La nazione ha iniziato ora la fase due della campagna di vaccinazione, con le dosi previste per gli ultracinquantenni, i disabili che ricevono assistenza e alcuni operatori sanitari.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Svezia delle restrizioni soft ora si scopre iper-prudente: la sospensione di AstraZeneca resta

Today è in caricamento