menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto Ansa  EPA/Enric Fontcuberta

Foto Ansa EPA/Enric Fontcuberta

Dopo 136 anni ok ai lavori per "sanare" la Sagrada familia

La costruzione del monumento più amato di Barcellona è andata avanti per oltre un secolo senza le necessarie autorizzazioni. La chiesa verserà 36 milioni per le irregolarità e i soldi saranno usati per migliorare i trasporti della zona

Ci è voluto più di un secolo ma finalmente la Sagrada familia ha un permesso di costruzione in regola e potrà essere terminata. Con 20 milioni di visitatori all'anno il capolavoro di Antoni Gaudí è il monumento più amato dai turisti a Barcellona. La sua costruzione fu iniziata 136 anni fa, nel 1882, sotto la supervisione di Francisco de Paula del Villar y Lozano ma un anno dopo passò nelle mani dell'architetto catalano che però morì prima di finirla nel 1926, travolto da un tram mentre si recava in chiesa. Gaudì non completò mai i passaggi burocratici necessari ma continuò nella costruzione. Ora il comune guidato da Ada Colau ha trovato un accordo con la chiesa per porre fine a questa irregolarità.

L'accordo

"La Sagrada Familia è un'icona e il monumento più visitato della nostra città. Dopo due anni di dialogo abbiamo stipulato un accordo che garantirà il pagamento della licenza, l'accesso sicuro al monumento e faciliterà la vita locale migliorando i trasporti pubblici e la riqualificazione delle strade vicine", ha scritto la sindaca in un tweet. La Sagrada Familia pagherà 36 milioni di euro per ottenere i permessi di costruzione e questi soldi saranno usati per migliorare il trasporto pubblico e l'area circostante. Sette milioni serviranno a migliorare l'accessibilità alla metropolitana di Barcellona, quattro saranno investiti al rinnovamento di quattro importanti arterie e tre saranno destinati a mantenere le strade sicure e pulite.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Perché l’Italia è il primo Paese Ue a bloccare l’export di vaccini

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

EuropaToday è in caricamento