Domenica, 1 Agosto 2021
Attualità

Rivolta contro il Green Pass in Francia, vandalizzati due centri vaccinali

Manifestazioni nel fine settimana contro la stretta voluta da Macron. Una deputata ha invitato i dimostranti ad “assediare” i parlamentari favorevoli al provvedimento e “invadere” i loro uffici

Manifestazione contro il Green Pass obbligatorio a Parigi - foto Ansa EPA/YOAN VALAT

In Francia questo fine settimana è stata rivolta contro le nuove misure imposte da Emmanuel Macron che impongono vaccinazioni obbligatorie per gli operatori sanitari e l'utilizzo del Green Pass per accedere alla maggior parte dei luoghi pubblici. Due centri di vaccinazione contro il coronavirus sono stati vandalizzati durante le proteste contro l'introduzione delle norme: il primo centro vaccinale è stato deturpato con graffiti e allagato venerdì notte a Grenoble, nel sud-est del Paese. Il giorno dopo, è stata presa di mira una clinica a Urrugne, vicino Biarritz, nel sud-ovest della nazione, parzialmente distrutta da quello che i media locali hanno definito un incendio doloso.

A soffiare sul fuoco delle tensioni è stata la deputata di opposizione Martine Wonner che ha chiesto ai manifestanti di "assediare" i parlamentari che supportavano le misure restrittive e di “invadere i loro uffici”. Vicina alle posizioni No-vax, Wonner ora potrebbe finire sotto inchiesta ed è stata già espulsa dal suo gruppo politico di opposizione, Libertà e Territori, dopo che il presidente dello stesso, Bertrand Pancher, ha definito le sue parole “inaccettabili” e “intollerabili”. Più di 111mila persone sono morte con il Covid-19 in Francia durante la pandemia e al momento solo poco più della metà della popolazione ha ricevuto una prima dose e meno del 40 per cento ha ricevuto entrambe le iniezioni.

I sondaggi suggeriscono che nel Paese c'è una diffusa esitazione nei confronti del vaccino e uno studio di Ipsos fatto alla fine dello scorso anno ha rilevato che solo il 40per cento degli intervistati si diceva pronto a ricevere un vaccino contro il coronavirus. L'annuncio di Macron della scorsa settimana ha però convinto in un giorno solo un milione di persone a iscriversi nelle liste per ricevere la dose, dando ragione alla linea dura voluta dal governo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rivolta contro il Green Pass in Francia, vandalizzati due centri vaccinali

Today è in caricamento