menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
ANSA/ STRINGER

ANSA/ STRINGER

Rimborsi ai politici? Non c'è bisogno dello scontrino

Lo ha deciso il Parlamento Ue, che ha mantenuto cosi' il sistema in vigore. Lega e Forza Italia favorevoli, Pd e M5s protestano: "Poca trasparenza". Sassoli: "Qualcuno dovrà spiegare questo assurdo"

PD e grillini uniti per un sistema più trasparente e chiaro basato sulla rendicontazione e Lega e Forza Italia per quello assai più comodo e opaco del regime forfettario. Così, nella sua versione italiana, è andato a finire il voto nella Tavolo dei Presidenti, l'organo che riunisce i capigruppo del Parlamento Ue, sul sistema di pagamento delle spese sostenute dagli eurodeputati per il loro ufficio. Nella decisione finale a livello europeo ha vinto il modello forfettario, si chiude così un anno di lavoro in cui sono intervenuti esperti e pure la Corte dei conti Ue, un anno speso per discutere e poi tornare a sposare il modello usato fin qui, quello del forfait. 

Forfait contro rendicontazione

"Dopo un anno di lavori siamo arrivati a scegliere tra due proposte - ha affermato oggi David Sassoli del PD in conferenza stampa - da un lato il criterio forfettario, attualmente in vigore, e la mia proposta, ossia un sistema misto, con una piccola parte non rendicontabile, per alcune spese di ufficio, ed il resto rendicontato ed a rimborso, come succede già per i biglietti aerei, volevamo un sistema più trasparente e chiaro, ma è stato preferito l'altro".

"Popolari, Gue (Sinistra unitaria, ndr), Verdi, Enf (Europa delle nazioni e della libertà, il gruppo della Lega, ndr) era a favore del forfait - continua Sassoli - mentre l'Efdd (la formazione dei grillini, ndr) e i liberaldemocratici dell'Alde erano con noi per la rendicontazione", ha spiegato oggi in conferenza stampa Sassoli.  

Paradosso a Strasburgo: oggi per il forfait, giovedì contro

La cosa paradossale è che giovedì lo stesso Parlamento Ue dovrebbe approvare a larga maggioranza una relazione sulle spese dell'Eurocamera per l'esercizio 2019 in cui si chiede nuovamente di studiare una modifica del regime forfettario, contrariamente a quanto deciso dalla maggioranza dei gruppi politici oggi. "Qualcuno dovrà spiegarlo, votano oggi contro quello che approveranno giovedì....", conclude Sassoli.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

EuropaToday è in caricamento