Domenica, 19 Settembre 2021
Attualità

I vaccini (anche AstraZeneca) nel Regno Unito hanno già salvato oltre 10mila vite in due mesi

Le stime riguardano il periodo fino alla fine di febbraio e sono ritenute riduttive perché è ancora difficile capire l'impatto delle dosi sulla trasmissione del coronavirus. Negli ottantenni ospedalizzazioni ridotte di circa l'80 per cento

La campagna di vaccinazione del Regno Unito contro il Covid-19 ha salvato almeno 10mila vite umane nei soli primi due mesi dalla sua partenza, e questa probabilmente è una stima riduttiva secondo i calcoli di Public Health England, l'autorità sanitaria del Paese.

Migliaia di vite salvate

L'analisi ha esaminato solo le persone di età superiore ai 60 anni, stimando che 9.100 decessi sono stati prevenuti in quelli di età pari o superiore agli 80 anni, 1.200 in quelli di età compresa tra 70 e 79 e 100 in quelli di età compresa tra 60 e 69 anni. In totale si stima che ci siano stati 10.400 decessi in meno di quanto ci si sarebbe aspettati senza vaccinazione. o studio si ferma ai dati di marzo, ma poiché presume che ci vuole un mese per costruire l'immunità in una persona, di fatto è come se questi dati si riferissero solo all'effetto delle 17 milioni di dosi inoculate in Inghilterra fino alla fine di febbraio. Al momento un totale di quasi 32 milioni di persone hanno ricevuto almeno la prima iniezione, e oltre sei milioni entrambe, con il Paese che sta utilizzando Pfizer e AstraZeneca, coprendo quasi la metà dell'intera popolazione del Paese.

Stime riduttive

Come afferma il Times fonti governative hanno descritto le cifre sulle riduzioni dei decessi come "molto conservatrici" e Phe ha affermato che "probabilmente si tratta di una sottostima". Questo perché i calcoli sul numero di persone salvate non tengono conto di alcun effetto dei vaccini nel ridurre la trasmissione del virus, effetto che sembra sempre più significativo, e quindi il numero reale di persone risparmiate dalla morte a causa del coronavirus è probabilmente molto più grande. "Il vero valore di questi vaccini potrebbe essere in termini di morti future che potremmo ora evitare se ci fosse una recrudescenza di Covid-19 nel Regno Unito”, afferma il rapporto di Public Health England. Al momento nell'isola si sta terminando la vaccinazione dei 50enni e presto inizierà la fascia dei 40enni.

Meno ospedalizzazioni

Secondo i dati ufficiali da gennaio la protezione garantita dai vaccini contro il Covid sintomatico, quattro settimane dopo soltanto la prima dose (la seconda nel Paese viene data circa tre mesi dopo la prima) variava tra il 57% e il 61% per Pfizer e tra il 60% e il 73% per Oxford-AstraZeneca. Negli 80enni i dati suggeriscono che una singola dose di entrambi i vaccini è più dell'80 per cento efficace nel prevenire il ricovero in ospedale, circa tre o quattro settimane dopo la prima iniezione.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I vaccini (anche AstraZeneca) nel Regno Unito hanno già salvato oltre 10mila vite in due mesi

Today è in caricamento