Martedì, 28 Settembre 2021
Attualità

Giulio Regeni candidato al Premio Sakharov del Parlamento Ue

Con lui, anche i genitori Paola e Claudio. La candidatura è stata presentata dal Pd. Il riconoscimento viene assegnato ogni anno a personalità che abbiano contribuito in modo eccezionale alla lotta per i diritti umani

Giulio Regeni, il giovane ricercatore italiano ucciso nel gennaio 2016 in Egitto, è stato candidato al Premio Sakharov, riconoscimento assegnato ogni anno dal Parlamento europeo a personalità che abbiano contribuito in modo eccezionale alla lotta per i diritti umani. La candidatura, che riguarda anche i suoi genitori, da subito in prima linea per chiedere la verità sull'uccisione del figlio, è stata presentata dalla delegazione del Partito democratico all'Eurocamera.

"Ieri, su mia proposta, come delegazione degli eurodeputati del Partito democratico abbiamo depositato la candidatura di Giulio Regeni e dei suoi genitori, Claudio e Paola, per il Premio Sakharov per la Libertà di Pensiero 2020, importantissimo riconoscimento sui diritti umani dell'Unione europea. Ringrazio la sensibilità di Brando Benifei, nostro capo delegazione, che a nome di tutti noi ha presentato questa proposta", fa sapere Andrea Cozzolino, europarlamentare del Pd.

Il Premio Sakharov è stato istituito nel 1988 ed è dedicato allo scienziato e dissidente sovietico Andrej Dmitrievic Sakharov. Il primo a ricevere il riconoscimento è stato Nelson Mandela. L'ultimo, nel 2019, l’economista Ilham Tohti, incarcerato e condannato all’ergastolo per il suo attivismo in difesa della minoranza musulmana uigura in Cina. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Giulio Regeni candidato al Premio Sakharov del Parlamento Ue

Today è in caricamento