menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
I genitori di Giulio Regeni

I genitori di Giulio Regeni

Giulio Regeni candidato al Premio Sakharov del Parlamento Ue

Con lui, anche i genitori Paola e Claudio. La candidatura è stata presentata dal Pd. Il riconoscimento viene assegnato ogni anno a personalità che abbiano contribuito in modo eccezionale alla lotta per i diritti umani

Giulio Regeni, il giovane ricercatore italiano ucciso nel gennaio 2016 in Egitto, è stato candidato al Premio Sakharov, riconoscimento assegnato ogni anno dal Parlamento europeo a personalità che abbiano contribuito in modo eccezionale alla lotta per i diritti umani. La candidatura, che riguarda anche i suoi genitori, da subito in prima linea per chiedere la verità sull'uccisione del figlio, è stata presentata dalla delegazione del Partito democratico all'Eurocamera.

"Ieri, su mia proposta, come delegazione degli eurodeputati del Partito democratico abbiamo depositato la candidatura di Giulio Regeni e dei suoi genitori, Claudio e Paola, per il Premio Sakharov per la Libertà di Pensiero 2020, importantissimo riconoscimento sui diritti umani dell'Unione europea. Ringrazio la sensibilità di Brando Benifei, nostro capo delegazione, che a nome di tutti noi ha presentato questa proposta", fa sapere Andrea Cozzolino, europarlamentare del Pd.

Il Premio Sakharov è stato istituito nel 1988 ed è dedicato allo scienziato e dissidente sovietico Andrej Dmitrievic Sakharov. Il primo a ricevere il riconoscimento è stato Nelson Mandela. L'ultimo, nel 2019, l’economista Ilham Tohti, incarcerato e condannato all’ergastolo per il suo attivismo in difesa della minoranza musulmana uigura in Cina. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Perché l’Italia è il primo Paese Ue a bloccare l’export di vaccini

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

EuropaToday è in caricamento