menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Don Virginio Colmegna

Don Virginio Colmegna

Il sacerdote che aiuta minori e detenuti, il prof che ospita migranti a casa sua: ecco i cittadini europei dell'anno

Sono quattro gli italiani che hanno ricevuto il Premio assegnato ogni anno a singoli e organizzazioni che si sono distinti per la loro capacità di "rafforzare l'integrazione e il dialogo tra i popoli, mettendo in pratica i valori della Carta dei diritti fondamentali dell'Ue"

La Fondazione bresciana Assistenza Psicodisabili Onlus (Bap), la dottoressa Paola Scagnelli, il sacerdote don Virginio Colmegna e il professor Antonio Silvio Calò sono i quattro vincitori italiani del Premio Cittadino europeo 2018. La giuria del riconoscimento internazionale, giunto alla undicesima edizione, ha incluso i quattro italiani nella lista di cinquanta persone, associazioni e organizzazioni dei 28 Stati membri che si sono distinti per la loro capacità di "rafforzare l'integrazione europea e il dialogo tra i popoli, mettendo in pratica i valori della Carta dei diritti fondamentali dell'Ue".

La bresciana Bap sostiene e promuove il Centro abilitativo per minori "Francesco Faroni", che oggi segue gratuitamente 90 minori autistici a partire dall'età di due anni. La dottoressa Paola Scagnelli è primario di radiologia dell'ospedale di Lodi, ma durante le ferie presta il suo servizio di medico a Tabora (Tanzania) presso una casa famiglia gestita dalle suore della Provvidenza per l'infanzia abbandonata. Don Virginio Colmegna, ex direttore di Caritas Lombardia, è attivo sin dagli anni Ottanta come fondatore di comunità di accoglienza nel campo della sofferenza psichica e dei minori, ed è attivo anche per il reinserimento lavorativo dei detenuti. Il quarto vincitore italiano, il professor Antonio Silvio Calò, insegna storia e filosofia al liceo Canova di Treviso, e da tre anni ospita nella sua abitazione sei immigrati africani. In seguito ai tragici eventi di Lampedusa del 2015 in cui centinaia di migranti persero la vita, il professor Calò e la sua famiglia si rese disponibile con la Prefettura ad accogliere alcuni dei sopravvissuti del naufragio.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

EuropaToday è in caricamento