menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La ministra belga Maggie de Block

La ministra belga Maggie de Block

"Coronavirus una banale influenza", la ministra-medico del Belgio denunciata dai colleghi

La titolare della Salute, Maggie De Block, sotto accusa per aver ignorato gli allarmi di alcuni camici bianchi che già a febbraio chiedevano misure adeguate contro il Covid-19. E per aver definito le mascherine di protezione "un non senso scientifico"

Il 3 marzo scorso, quando l'Italia già attuava le prime restrizioni nel Nord Italia, defini' pubblicamente l'allora epidemia di coronavirus una "banale influenza". Si dovette ricredere pochi giorni dopo, quando anche il Belgio, seguendo l'esempio dell'Italia, decreto' il lockdown. Ma Maggie de Block, ministro della Salute di Bruxelles e di professione medico, non si è accontentata di questa prima gaffe e di recente ha definito l'uso di mascherine di protezione "un non senso scientifico". Salvo poi venire smentita dal suo stesso governo, che ne ha disposto l'obbligo per tutti i belgi sopra i 12 anni. Dichiarazioni bacchettate dalla stampa e che adesso sono oggetto di una procedura disciplinare, visto che un associazione di camici bianchi ha deciso di denunciare la ministra-medico all'Albo belga.

Secondo l’Associazione Lagardère, infatti, con le sue dichiarazioni pubbliche De Block avrebbe violato il codice deontologico. Il suo metodo di comunicazione, a detta dei colleghi, è “infondato scientificamente” e ha portato a una sottovalutazione della pandemia, con ritardi che hanno reso più vulnerabili gli ospedali e gli operatori sanitari nelle prime settimane della pandemia. Inoltre, i colleghi non hanno dimenticato che già a febbraio, quando il principale sindacato di categoria aveva messo in guardia sui pericoli del Covid-19, De Block si era affidata a Twitter per bollare questi allarmi come inutili "drammi". Per l’Associazione, durante questa crisi, De Block si è espressa  più volte “senza riserva né obiettività scientifica". Da qui la richiesta di sanzioni nei suoi confronti. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Perché l’Italia è il primo Paese Ue a bloccare l’export di vaccini

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

EuropaToday è in caricamento