rotate-mobile
Lunedì, 6 Dicembre 2021
droghe leggere

Il primo Paese Ue a legalizzare la coltivazione (e l'uso) della cannabis a casa

Il Lussemburgo rende legale per i maggiorenni coltivare fino a quattro piantine nel proprio appartamento

Se hai 18 anni e il pollice verde, presto potrai coltivare la cannabis a casa per uso personale. Almeno se risiedi in Lussemburgo. Già, perché il piccolo Granducato ha deciso di mettere da parte le politiche proibizioniste, considerate fallimentari, annunciando una legge che ne fa il primo Paese dell'Unione europea a consentire allo stesso tempo la produzione e il consumo di marijuana.  

Secondo la legge varata dal governo, tutti i residenti adulti del Lussemburgo potranno coltivare fino a quattro piante di cannabis nelle loro case o nei loro giardini. Sarà inoltre consentito il commercio di semi senza alcun limite alla quantità o ai livelli di Tetraidrocannabinolo (Thc), il principale costituente psicoattivo. Il governo ha affermato che sarà possibile acquistare semi nei negozi, importarli o acquistarli online.

"Abbiamo un problema con le droghe e la cannabis è la droga più utilizzata sul mercato", ha detto il ministro della Giustizia, Sam Tamson, spiegando che la legalizzazione della coltivazione della cannabis e del suo uso a fini ricreativi può danneggiare gli affari della criminalità organizzata: "L'idea è consentire a un consumatore di non trovarsi in ??una situazione illegale se consuma cannabis. In questo modo, colpiamo l'intera catena illegale dalla produzione al trasporto fino alla vendita". La legge prevede il mantenimento del divieto del consumo e del trasporto di cannabis o prodotti a base di cannabis in pubblico. Tuttavia, il consumo e il trasporto di una quantità fino a 3 grammi non sarà più considerato reato, ma classificato come illecito. "Tolleranza zero", inoltre, per chi viene trovato alla guida sotto l'effetto di marijuana o hashish. 

I passi verso un nuovo modello di gestione del consumo di droghe leggere non finiscono qui. Il governo ha annunciato l'intenzione di consentire la produzione domestica di semi per scopi commerciali, ma questo aspetto è stato rimandato a una successiva normativa. Più in generale, il Lussemburgo vuole creare un sistema di produzione e distribuzione regolamentato dallo Stato per garantire la qualità del prodotto, con i ricavi delle vendite da investire "principalmente nella prevenzione, nell'istruzione e nell'assistenza sanitaria nel vasto campo delle dipendenze", affermano fonti del governo.

Il quadro generale della revisione della legge era stato concordato due anni fa in un accordo di coalizione tra liberali, socialdemocratici e verdi. Il Lussemburgo si unirà a Canada, Uruguay e 11 Stati degli Usa, che hanno già promosso leggi simili. Il Guardian ricorda che di fatto questi Stati violano una convenzione delle Nazioni Unite sul controllo degli stupefacenti, che impegna i firmatari a limitare 'esclusivamente per scopi medici e scientifici la produzione, la fabbricazione, l'esportazione, la distribuzione delle importazioni, il commercio, l'occupazione e il possesso di droghe”, compresa la cannabis.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il primo Paese Ue a legalizzare la coltivazione (e l'uso) della cannabis a casa

Today è in caricamento