menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Tensione tra Italia e Austria: "Siete come la Grecia", "Pensi prima di parlare"

Scontro sul debito del Paese. Il ministro dell'Economia Tria: “Noi non chiediamo agli altri di pagarcelo”

Tensione alle stelle tra Austria e Italia sui conti dello Stivale. Il ministro delle Finanze di Vienna, Hartwig Löger, usa toni duri nei confronti del vicino confinante, evocando una nuova crisi dell’euro a causa del nostro Paese. “Spingendo deliberatamente la spirale del debito, non può essere più escluso che l’Italia diventi una seconda Grecia”, accusa l’austriaco. Che avverte: “Non siamo disposti a pagare per il debito italiano”.

Parole che suscitano l’irritazione del ministro dell’Economia, Giovanni Tria, che replica immediatamente al suo arrivo a Bruxelles per i lavori dell’Eurogruppo. “Vorrei ricordare che l’Italia non chiede che qualcuno paghi per il debito”. Semmai, sottolinea piccato, “è l’Italia che sempre pagato i debiti altrui senza chiedere un centesimo indietro”. Da qui l’invito a “riflettere prima di parlare”.

Il titolare del Tesoro, parlando di questioni squisitamente più interne, tocca anche la spinosa questione dell’Iva. Le sue parole lasciano intendere che il governo è pronto a far scattare le clausole di salvaguardia e aumentare l’imposta. “Occore distinguere tra due problemi: la pressione fiscale, che va ridotta, e la composizione della pressione fiscale”. Quanto al secondo problema, “è meglio avere un maggior peso per le imposte indirette che per quelle dirette”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

EuropaToday è in caricamento