menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Alcuni agenti impegnati nell'operazione - foto ansa EPA/CLEMENS BILAN

Alcuni agenti impegnati nell'operazione - foto ansa EPA/CLEMENS BILAN

Mega operazione contro l'islam radicale in Germania, raid a Berlino con 800 agenti

I blitz sono stati effettuati con l'obiettivo principale di ottenere prove su un gruppo jihadista a cui era associato il terrorista che uccise in un attacco 12 persone nel dicembre 2016, ma al momento non è chiaro se ci siano stati arresti

Ottocento agenti di polizia in campo per compiere almeno 24 perquisizioni a Berlino allo scopo di tagliare le gambe a un gruppo islamista radicale sospettato di progettare attentati in Germania. La polizia tedesca ha condotto una serie di raid a Berlino e in tutto lo Stato Brandeburgo in una mega operazione contro un'organizzazione collegato ad Anis Amri, l'attentatore che si schiantò con un camion sulla folla nel mercato di Natale della capitale il 19 dicembre 2016, uccidendo 12 persone, tra cui l'italiana Fabrizia Di Lorenzo. Oltre 800 agenti di polizia hanno condotto perquisizioni in 24 proprietà a Berlino e due nello stato circostante del Brandeburgo.

Andreas Geisel, ministro degli Interni della città-land, ha descritto Jama'atu Berlin come un'organizzazione erede dell'associazione-moschea ''Fussilet 33'', costretta a chiudere nel 2017, e che diversi rapporti del servizio segreto interno (Bfv) indicavano come luogo d'incontro di estremisti islamici, incluso Amri. Con i suoi circa 20 membri, Jama'atu Berlin avrebbe sostenuto la jihad armata, attacchi ai civili e attentati suicidi, ha detto Geisel ai giornalisti dopo le operazioni. "Il gruppo messo al bando oggi segue l'ideologia dello Stato islamico. Inoltre, sono terribili antisemiti che chiedono la morte degli ebrei", ha aggiunto Torsten Akmann, sottosegretario al ministero degli Interni di Berlino.

I componenti di Jama'atu Berlin, riporta la Dpa, sfruttavano i sermoni come copertura per incontrarsi in appartamenti o parchi pubblici, ed utilizzava YouTube e Instagram come mezzi di propaganda. Un portavoce delle forze dell'ordine ha riferito che i raid avevano lo scopo di raccogliere prove contro l'organizzazione, ma non ha fornito dettagli su possibili arresti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

EuropaToday è in caricamento