rotate-mobile
Venerdì, 31 Marzo 2023
Le indagini / Grecia

Disastro ferroviario in Grecia: il capostazione era alla quinta notte consecutiva di lavoro

Il foglio presenze dei dipendenti alla stazione di Larissa, che il quotidiano Kathimerini pubblica oggi, getta nuova luce sulle possibili cause del devastante incidente costato la vita ad almeno 57 persone

Le indagini sul disastro ferroviario continuano. Il foglio presenze dei dipendenti alla stazione di Larissa, che il quotidiano Kathimerini pubblica oggi, mostra come il 28 febbraio il capostazione fosse in servizio per la quinta notte consecutiva. Inoltre, dato che il capostazione era stato trasferito lì solo 5 giorni prima del disastro, (prima era in servizio a Neios Pouris) le 5 notti consecutive di lavoro presso una delle stazioni più centrali del Paese, con un traffico particolarmente intenso durante i tre giorni di carnevale, sollevano ancora più domande. 

incidente treni grecia LaPresse

Sono già stati presi provvedimenti anche nei confronti dei superiori che hanno collocato per 5 sere di fila in quel turno un "nuovo" capostazione, in servizio da poco in quel posto. Un'ora prima del tragico incidente, il capostazione avrebbe commesso il medesimo errore con un treno locale, che, fortunatamente, è stato corretto quando il macchinista se ne è accorto. Invece nessuno si è reso conto di quello che stava per accadere alle 23.24. Nel peggiore incidente ferroviario della storia ellenica sono morte almeno 57 persone.

La presenza di un solo capostazione, unita alle croniche carenze delle ferrovie greche, ha avuto un ruolo decisivo nel disastro? Solo le indagini lo potranno chiarire con certezza. Nella sua testimonianza di ieri, l'uomo, 59 anni, in arresto, ha detto di avere un vuoto di memoria rispetto a quanto accaduto con l'ormai famigerato tasto 118, quello che, se premuto, avrebbe dovuto riportare il treno passeggeri sul binario giusto. Non ricorda cosa sia successo. Rischia da 10 anni fino all'ergastolo.

Il video

Un video con il momento della collisione dei due treni a Tempi è stato pubblicato ieri dalla rete tv ERT. Dà una nuova dimensione all'indagine, in quanto sembra che si formi una alta colonna di fuoco e fumo. Secondo informazioni verificate da ERT, sono state trovate sul luogo del disastro due bombole di gas che non sono esplose, ma si sta esaminando se possano esserci state altre bombole che potrebbero aver causato l'esplosione.

L'incendio non sarebbe stato dunque causato dal solo scontro tra treni (ma certezze, va ribadito, allo stato attuale delle indagini non ce ne sono). Si dovrà capire se altre bombole potrebbero aver causato l'esplosione che si vede nel video. Esiste un regolamento che stabilisce in dettaglio quando e come i treni possono trasportare bombole di gas, al momento nessuno è in grado di dire se fosse tutto in regola. Molti giovani morti, per lo più studenti, erano proprio nella seconda carrozza, quella ristorante dell'Intercity 62, caricavano i cellulari, bevevano caffè e leggevano al momento della collisione. 

Disastro ferroviario in Grecia: il video dello scontro tra treni e i dubbi sull'esplosione

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Disastro ferroviario in Grecia: il capostazione era alla quinta notte consecutiva di lavoro

Today è in caricamento