menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
© European Union

© European Union

Palestina, l'Ue ha completato la centrale fotovoltaica più grande di Gaza

Servirà a fornire energia per l'impianto di desalinizzazione che fornisce acqua potabile a 75mila abitanti, che diventeranno 250mila grazie ai nuovi investimenti europei

L'Unione europea ha portato a termine la costruzione completato del più grande impianto fotovoltaico nella Striscia di Gaza, in Palestina. L'impianto sarà capace di fornire 0,5 megawatt di elettricità al giorno che saranno utilizzati per alimentare l'impianto di desalinizzazione, anch'esso finanziato dall'Ue, che al momento permette di fornire acqua potabile a 75 mila abitanti nelle zone di Khan Younis e di Rafah. Con il nuovo campo fotovoltaico e i nuovi investimenti previsti, l'impianto di desalinizzazione sarà capace, entro il 2020, di raggiungere 250 mila persone nella parte sud della Striscia.

"Le limitate forniture di energia a Gaza sono una delle sfide principali, nel momento in cui si migliora l'accesso all'acqua potabile per la popolazione locale", ha spiegato il commissario Ue per l'Allargamento e la politica europea di vicinato, Johannes Hahn, secondo cui "il campo solare fotovoltaico è essenziale per rispondere alle urgenti necessità di acqua a Gaza e per creare condizioni di vita dignitose per la sua popolazione".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Perché l’Italia è il primo Paese Ue a bloccare l’export di vaccini

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

EuropaToday è in caricamento