Venerdì, 30 Luglio 2021
Attualità

Il commissario straordinario belga per la pandemia in esaurimento nervoso, costretto al congedo

L'omologo di Domenico Arcuri ha annunciato una pausa dall'incarico "per motivi di salute". Poi la stampa locale ha svelato che all'origine dell'assenza c'è il troppo stress

Pedro Facon. Foto: profilo Twitter @ladh

Gestire la risposta alla pandemia non è certo un compito facile, con tante responsabilità e decisioni difficili da prendere ogni giorno. E questa fortissima pressione alla fine è arrivata a 'schiacciare'  Pedro Facon, il commissario straordinario del Governo belga per la lotta alla coronavirus, che si è messo in congedo da ieri a quanto pare a causa di un esaurimento nervoso. I particolari della vicenda sono stati svelati questa mattina dalla stampa belga che ha rivelato i motivi dell'addio all'incarico da parte del numero uno della struttura di emergenza messa su ad ottobre dal primo ministro Alexander De Croo per contrastare il Covid-19. 

I contrasti con la politica e la temuta terza ondata

Il congedo per motivi di salute annunciato ieri dallo stesso Governo di Bruxelles è avvenuto, secondo quanto riporta oggi il giornale fiammingo Het Laatste Nieuws, per un burnout, ovvero una forma di esaurimento nervoso dovuta allo stress e spesso ricollegata a difficili condizioni professionali. Come ricordato dalla stampa belga, nelle ultime settimane sono venuti a galla i contrasti tra la struttura commissariale guidata dal 39enne Facon e il ministero della Salute del Governo federale. Una situazione difficile alla quale si è aggiunta negli ultimi giorni la minaccia di una terza ondata di Covid, che interessa ormai più Paesi dell’Europa settentrionale, a partire dal Regno Unito dove si è diffusa la nuova variante di coronavirus. 

Il congedo 

L’omologo belga di Domenico Arcuri, durante il periodo di assenza, sarà sostituito dalla vice-commissaria Carole Schirvel e dal capo operativo Augustin Coppée. Quanto al rientro a lavoro di Facon, il Governo aveva annunciato un congedo di alcune settimane. A oggi, non è chiaro se il commissario straordinario sarà in grado di riprendere l’incarico affidatogli dal primo ministro De Croo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il commissario straordinario belga per la pandemia in esaurimento nervoso, costretto al congedo

Today è in caricamento