rotate-mobile
Giovedì, 26 Maggio 2022
La rivelazione / Danimarca

"Djokovic ha comprato una società che lavora su farmaco anti-Covid"

Secondo la Reuters, il campione serbo avrebbe acquisito l'80% di un'azienda danese pochi mesi dopo lo scoppio della pandemia

Il numero uno del tennis mondiale, il serbo Novak Djokovic avrebbe investito nel mondo delle biotecnologie acquisendo l'80% di una società danese, la QuantBioRes. La notizia non sarebbe di grande rilievo se non fosse per un particolare: l'azienda sta lavorando a un trattamento contro il Covid-19. Lo scrive la Reuters, dopo che nei giorni scorsi i media di tutto il mondo hanno raccontato come il campione serbo, fin dal principio scettico nei confronti delle misure rigide anti-pandemia e non vaccinato, abbia cercato di aggirare le regole australiane per partecipare agli Australian Open. 

A rivelare la presunta partecipazione societaria di Djokovic è stato il capo di QuantBioRes, Ivan Loncarevic, che ha detto a Reuters che l'acquisizione da parte del tennista di una quota di maggioranza pari all'80% è stata effettuata nel giugno 2020, anche se non ha specificato quanto è stato pagato. Il sito web dell'azienda afferma di aver iniziato a lavorare su un "meccanismo di disattivazione" del Covid-19 nel luglio 2020.

Loncarevic ha affermato che la società sta lavorando a un trattamento, ma non a un vaccino. Sta sviluppando un peptide per inibire il coronavirus dall'infezione delle cellule umane e spera di avviare studi clinici nel Regno Unito quest'estate. Tuttavia, l'azienda deve ancora ottenere l'approvazione per eventuali trattamenti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Djokovic ha comprato una società che lavora su farmaco anti-Covid"

Today è in caricamento