rotate-mobile
Venerdì, 27 Gennaio 2023
Il caso / Francia

Gli alleati francesi di Meloni dicono no all'Italia: errore accogliere i migranti dell'Ocean Viking

Dai Repubblicani al partito di Le Pen, tutti contro l'accoglienza delle 234 persone in rotta verso la Francia. Con loro, secondo un sondaggio di un quotidiano di destra, l'80% dei transalpini

La Francia si divide sull'accoglienza dei 234 migranti dell'Ocean Viking, la barca respinta dalle autorità italiane e ora in viaggio in direzione della Corsica o di Marsiglia. Se per Giorgia Meloni la decisione di Parigi (in realtà ancora sospesa) di farsi carico delle persone a bordo, salvate dall'organizzazione Sos Méditerranée, che ha sede proprio a Marsiglia, è stata un gesto di "responsabilità" e di "collaborazione europea", dello stesso avviso non sono gli esponenti della destra transalpina, tutti a vario tiolo alleati europei dei partiti di governo italiani. "Sarebbe un grave errore" far sbarcare i migranti, ha detto Éric Ciotti dei Repubblicani, vicini a Forza Italia. "Con noi non sarebbe mai successo", ha tuonato Jordan Bardella, il neo leader del Rassemblement national, stretto partner della Lega di Matteo Salvini al Parlamento Ue. 

Dello stesso avviso Eric Zemmour, leader del movimento Reconquête, considerato l'esponente più vicino al partito conservatore europeo di Meloni: "Non dobbiamo essere complici, rifiutiamoci di accogliere l'Ocean Viking", ha scritto su Twitter. Secondo un sondaggio del sito di Le Figaro, quotidiano francese di centrodestra, oltre l'80% dei lettori di dice contrario allo sbarco della nave in terra transalpina.

Di contro, il centrosinistra è compatto nel sostenere i migranti: per la presidente dell'Assemblea nazionale, Yaël Braun-Pivet, esponente di Renaissance (il partito di Emmanuel Macron), "la tradizione francese è una tradizione di accoglienza. C'è il diritto, ma c'è anche quello che dobbiamo fare come esseri umani nei confronti degli altri esseri umani”. Per Carlos Martens Bilongo del partito di sinistra La France Insoumise, “c'è urgente bisogno di venire in aiuto dei sopravvissuti che sono in mare e che hanno già subito vari traumi”. “Vogliamo porre fine al drammatico e criminale infantilismo tra i governi europei che sembrano riscattarsi l'un l'altro, mentre in gioco ci sono vite umane”, ha commentato il deputato socialista Benjamin Lucas.

Secondo Arthur Berdah e François-Xavier Bourmaud, opinionisti di Le Figaro, la mossa di Meloni ha avuto l'effetto di mettere in imbarazzo il governo e il presidente Macron, dando invece fiato alle retorica anti-immigrazione della destra. In altre parole, una nave con qualche decina di migranti a bordo starebbe facendo crescere i consensi a destra tanto in Italia, quanto in Francia.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gli alleati francesi di Meloni dicono no all'Italia: errore accogliere i migranti dell'Ocean Viking

Today è in caricamento