Martedì, 28 Settembre 2021
Attualità

Un “daspo per i corrotti”: dall'Ue ok a nuove norme contro il riciclaggio

Oltre al carcere i giudici potranno decidere l'esclusione temporanea o permanente dall'accesso ai finanziamenti pubblici. Corrao (M5S): “Colpiremo le multinazionali del crimine dove fa più male, il denaro”

Per fermare la criminalità è importante colpire soprattutto i suoi affari. Per farlo gli Stati membri hanno confermato un accordo raggiunto tra la presidenza bulgara e il Parlamento sulle nuove norme sul ricorso al diritto penale per contrastare il riciclaggio di denaro, norme che mirano a interrompere e bloccare l'accesso dei criminali alle risorse finanziarie, comprese quelle utilizzate per attività terroristiche. I criminali usano il riciclaggio di denaro per convertire, nascondere o acquisire i proventi delle loro attività illecite. Secondo la Commissione, i proventi di attività criminali nell'Ue sono stimati in 110 miliardi di euro all'anno, una cifra che corrisponde all'1% del Pel totale dell'Unione. Il numero di casi di riciclaggio è in aumento: secondo l'Europol nel 2012 sono stati scoperti 148 casi, 202 nel 2013, 221 nel 2014 e 285 nel 2015.

La nuova direttiva

I principali obiettivi della nuova direttiva sono da una parte stabilire norme minime relative alla definizione comune dei reati e delle sanzioni inerenti al riciclaggio di denaro, poi eliminare gli ostacoli alla cooperazione giudiziaria e di polizia a livello transfrontaliero introducendo disposizioni comuni per facilitare le indagini sui reati connessi al riciclaggio di denaro e infine allineare le regole comunitarie con quelle internazionali, in particolare la Convenzione del Consiglio d'Europa in materia.

"Per intraprendere attività terroristiche o criminali di altro tipo servono soldi. Assicurare che le attività di riciclaggio di denaro siano sanzionate e che la cooperazione giudiziaria e di polizia a livello dell'Ue sia il più efficace possibile contribuirà a ridurre il flusso di denaro che finisce nelle tasche dei criminali”, ha affermato la ministra della Giustizia di Sofia, Tsetska Tsacheva, a nome della presidenza di turno bulgara dell'Ue. “Le multinazionali del crimine non conoscono frontiere, ma grazie a questo nuovo strumento riusciremo a colpirle dove fa più male: il denaro. L’obiettivo che abbiamo raggiunto è quello di impedire che i proventi del crimine vengano utilizzati nell’economia reale o per coprire altre attività illecite”, ha spiegato l'eurodeputato del Movimento 5 Stelle, Igrazio Corrao, che è responsabile del provvedimento per l'Aula.

La novità del daspo

Secondo il testo concordato il riciclaggio di denaro sarà punibile con una pena detentiva massima di 4 anni ma oltre al carcere, i giudici possono imporre sanzioni e misure aggiuntive, ad esempio l'esclusione temporanea o permanente dall'accesso ai finanziamenti pubblici, definito un “daspo per i corrotti” da Corrao. Inoltre ai casi che riguardano un'organizzazione criminale o per reati commessi nell'esercizio di determinate attività professionali saranno previste circostanze aggravanti che gli Stati membri potranno definire sulla base del valore dei beni o del denaro oggetto di riciclaggio o della natura del reato, ad esempio se si tratta di corruzione, sfruttamento sessuale o narcotraffico.

Anche le entità giuridiche potranno essere ritenute responsabili di determinate attività di riciclaggio di denaro e vedersi infliggere una gamma di sanzioni come l' esclusione dagli aiuti pubblici, l'assoggettamento al controllo giudiziario, o addirittura lo scioglimento. L'accordo sulla direttiva, si legge nel comunicato ufficiale, "include anche regole più chiare per stabilire lo Stato membro competente e definire la cooperazione tra gli Stati membri interessati nei casi transfrontalieri, ed evidenzia la necessità di coinvolgere Eurojust", l'Autorità di cooperazione giudiziaria Ue.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Un “daspo per i corrotti”: dall'Ue ok a nuove norme contro il riciclaggio

Today è in caricamento