Il Covid-19 è anche una questione razziale (e sociale): i neri muoiono più dei bianchi

Nel Regno Unito, come anche negli Usa, le minoranze etniche sono le più povere e anche le più colpite dalla malattia

Foto Ansa EPA/TANNEN MAURY

Alcuni hanno definito il coronavirus il “grande livellatore”, la malattia che colpisce, e purtroppo in molti casi uccide, tutti in maniera indiscriminata. Ma nei fatti non è proprio così.

I neri muoiono di più

Le statistiche del Regno Unito mostrano che le minoranze etniche, e in particolar modo i neri, sono molto più colpiti dalla malattia e hanno molte più probabilità di morire dopo aver contratto il Covid-19. Se in Italia tempo fa si era addirittura aperto un dibattito sul fatto che gli immigrati africani del nord sarebbero stati meno colpiti dall'epidemia, in Gran Bretagna, dove la diversità etnica è molto più diffusa che nel nostro Paese, i dati raccontano una realtà molto differente. Secondo uno studio fatto dal Times sui dati dell'Nhs inglese e dell'Ufficio di statistica nazionale, su ogni 100mila abitanti il tasso di mortalità è finora di 23 per gli inglesi bianchi, 27 per gli asiatici e addirittura 43 per i neri. I dati rivelano poi anche delle forti variazioni all'interno delle stesse minoranze etniche: il tasso di mortalità per cittadini originari del Bangladesh sarebbe di di 20 ogni 100mila, inferiore anche quello dei bianchi britannici, mentre tra chi ha origini caraibiche questa percentuale schizza addirittura a 69.

Una malattia che discrimina

Chiunque sostenga che questo virus non discrimini o non sta guardando i numeri o non vuole ammettere la verità”, ha dichiarato al quotidiano britannico Trevor Phillips, ex capo della commissione per le Pari opportunità e i diritti umani, a cui il governo ha chiesto di analizzare se i cittadini della categoria Bame (black, Asian and minority ethnic) siano colpiti in maniera sproporzionata dal Covid-19. I dati diffusi al momento dal Centro nazionale di audit e ricerca in terapia intensiva hanno indicato che oltre il 30% dei 2.249 pazienti in condizioni critiche malati ammessi alla terapia intensiva fino al 3 aprile erano Bame, eppure le minoranze etniche nel Regno Unito rappresentano il 19,5% della popolazione. La maggiore incidenza sulla comunità nera del virus non è però, probabilmente, legata a questioni di “razza”, ma a questioni sociali.

La linea del colore

Come disse lo scrittore srilankese, Ambalavaner Sivanandan, che fu direttore emerito dell'Institute of Race Relations di Londra: “Today the colour line, is the power line, is the poverty line”. “Oggi la linea del colore è la linea del potere e la linea della povertà”. E purtroppo la cosa sembra essere ancora vera nel Regno Unito come negli Stati Uniti, dove i dati parlano di una sproporzione enorme tra le morti di bianchi e di neri.

I Bame vivono in condizioni più difficili

Uno dei maggiori fattori sottostanti al numero sproporzionato di decessi nelle comunità Bame è socioeconomico”, ha denunciato giorni fa in un intervento sul Guardian il sindaco di Londra, Sadiq Khan. Per il politico laburista di origini pakistane è “una scomoda verità che le persone appartenenti a minoranze etniche siano la maggioranza di quelli che vivono in alloggi poveri e sovraffollati o in famiglie in cui ci sono più generazioni sotto lo stesso tetto. Ed è un dato di fatto che hanno maggiori probabilità di vivere in condizioni di povertà o di lavorare in lavori precari e con bassi salari, con molti che semplicemente non hanno il lusso di poter lavorare in sicurezza da casa durante la quarantena”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tanti medici e infermieri

Inoltre, nonostante rappresentino solo il 13% della popolazione in Inghilterra e Galles, ben il 44% di tutti i medici e il 24% degli infermieri dell'Nhs proviene da un ambiente Bame. Degli 82 operatori sanitari di prima linea in Inghilterra e Galles che sono morti a causa di Covid-19, il 61% di loro erano neri o appartenenti a una minoranza etnica.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'Ue "promuove" la Calabria sul Covid: unica regione verde in Italia e tra le poche in Europa

  • Il décolleté della premier divide la Finlandia: "Fa la modella invece di pensare al Covid"

  • Altro che Mes, l'Italia pronta a rinunciare anche ai prestiti del Recovery fund

  • Conte va via e lascia Merkel a rappresentare l'Italia al vertice Ue. La Lega attacca (ma è la prassi)

  • È vero che l'Ue vuole tassare la prima casa? Sì, ma solo se sei ricco

  • Il villaggio di Babbo Natale è in crisi per colpa del Covid

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
EuropaToday è in caricamento