"No a trattati di libero scambio con chi viola i diritti umani". Dall'Aula di Strasburgo monito sulle politiche commerciali Ue

La richiesta contenuta in una relazione approvata dal Parlamento e scritta dall'eurodeputata italiana Eleonora Forenza (Potere al popolo): "Una discriminante sia anche il rispetto delle libertà fondamentali delle donne"

Da sinistra le eurodeputate Eleonora Forenza e Malin Bjork / Europarl

No ad accordi commerciali internazionali tra l'Unione europea e paesi terzi che non tengano conto, in modo vincolante, del rispetto dei diritti umani, tra cui quelle delle donne. E' la richiesta contenuta nella relazione "Uguaglianza di genere nei trattati commerciali", firmata dalle parlamentari Ue Eleonora Forenza (Potere al popolo) e Malin Björk e approvata dal Parlamento europeo. 

"In una Unione Europea che ancora stenta a ratificare e ad attuare la Convenzione di Istanbul - dichiara Eleonora Forenza - molto spesso i diritti umani e la libertà delle donne vengono ridotti a orpelli retorici. I diritti delle donne sono diritti umani fondamentali e non possono essere considerati mere barriere non tariffarie".

Le "lacune" sui diritti delle donne

Il commercio ha un impatto differente su donne e uomini ma nessun accordo commerciale ha mai incluso una prospettiva di genere. Solo il 20% fa riferimento ai diritti delle donne e circa il 60% menziona le "donne" o le "questioni di genere". Inoltre, gli accordi commerciali di nuova generazione (TTIP, CETA, TiSA) interessano il campo dei servizi molto più dei precedenti. Secondo quanto emerge dalla relazione, beni e servizi pubblici di base come l'acqua, i servizi igienico-sanitari, l'istruzione, l'assistenza sanitaria (incluso l'accesso libero e sicuro all'aborto), dovrebbero invece essere forniti dagli Stati in quanto servizi essenziali e non liberalizzati.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Gli effetti possibili sui trattati commerciali

Se l'indicazione del Parlamento venisse seguita, non sarà più possibile per un paese che non ha ratificato convenzioni internazionali sui diritti umani - come quella sull'eliminazione di ogni forma di disciminazione contro le donne (Convention on the Elimination of All Forms of Discrimination against Women-Cedaw) - stipulare un accordo commerciale con l'Unione europea. "Ora possiamo, con maggiore forza, immaginare una proposta di giustizia sociale per tutte e per tutti - conclude Forenza - che anteponga la autodeterminazione di donne, uomini, popoli, alla logica del profitto, della deregolamentazione che si è fatta regola, del neoliberismo che si è fatto Super-stato nello spazio europeo".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Chiuderemo Facebook e Instagram in Europa", ecco il perché della minaccia di Zuckerberg

  • “I migranti ci penseranno due volte prima di imbarcarsi per l’Europa”, bufera sul nuovo piano Ue

  • “Maxi-riciclaggio da 2mila miliardi”. Trema il settore bancario: coinvolti tre istituti europei

  • "Svezia verso l'immunità di gregge, lì la pandemia potrebbe essere finita"

  • Code di 7mila tir e crisi peggiore del Covid: Londra adesso teme la Brexit senza accordo

  • Cercasi rifiuti: termovalorizzatori danesi a secco perché manca la spazzatura da bruciare

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
EuropaToday è in caricamento