menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Gli scontri al parco - foto da twitter @thandojo

Gli scontri al parco - foto da twitter @thandojo

In migliaia al festival convocato su Fb come pesce d'aprile: finisce in guerriglia con la polizia

A Bruxelles all'evento convocato per scherzo si sono presentate oltre duemila persone. Gli agenti sono intervenuti in assetto antisommossa e la tensione è salita alle stelle: 22 arresti e oltre 30 feriti

È finito con scontri arresti e feriti un pesce d'aprile fatto a Bruxelles. Un gruppo di persone aveva lanciato in maniera anonima su Facebook un mega rave, La Boum, convocandolo proprio per ieri al Bois de la Cambre, un evento a cui sul social oltre 50mila persone avevano risposto di essere interessate e 18 mila di voler partecipare.

Complice il bel tempo e soprattutto la voglia di normalità dei giovani della capitale belga, che vivono ormai sotto dure restrizioni a causa del coronavirus da mesi, all'appuntamento si sono presentate almeno duemila persone. Il successo della convocazione sui social aveva però messo in allarme anche la polizia che è arrivata sul posto in forze e in assetto antisommossa. Ma il loro arrivo ha scatenato la rabbia dei giovani presenti ed è scattata una guerriglia che è terminata con 22 arresti e decine di feriti sia tra i manifestanti che tra le forze dell'ordine.

"Attenzione, la polizia disperderà i partecipanti a questa manifestazione e tutte le persone saranno passibili di una multa", hanno annunciato i poliziotti arrivando sul posto intorno alle 17 anche con i camion con gli idranti mentre la folla si faceva sempre più compatta, a dispetto delle misure sanitarie sul distanziamento fisico e l'obbligo di indossare la maschera. L'avvertimento è stato però ascoltato solo da poche persone e così la polizia ha deciso di avanzare verso la folla, anche con agenti a cavallo. A quel punto la tensione ha cominciato a salire e diversi giovani hanno iniziato a gridare: “Libertà, libertà”.

La polizia a quel punto ha deciso di usare la forza e son iniziati gli scontri che sono durati per ore con cariche degli agenti alle quali alcuni giovani hanno risposto erigendo delle barricate fatte con gli alberi del boschi che sono anche stati dati alle fiamme. Il bilancio della giornata è stato di 22 arresti e almeno otto feriti tra i manifestanti e 26 tra gli agenti di polizia, di cui uno è stato colpito alla testa ed è dovuto essere stato portato in ospedale. Addirittura sono rimasti feriti anche sette cavalli.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

EuropaToday è in caricamento