rotate-mobile
Giovedì, 9 Dicembre 2021
Attualità

Braccialetti Covid al posto del Green pass: l’esperimento olandese

L’iniziativa per evitare code agli ingressi. Ma ad Amsterdam i proprietari dei locali si oppongono

Niente Green pass: per entrare nei pub e nei ristoranti in diverse parti dell'Olanda da due settimane si può usare il "coronapolsbandje", il braccialetto Covid. E questo starebbe facilitando la vita dei locali perché ridurrebbe le cose agli ingressi. L'iniziativa, nata su richiesta di diversi ristoratori, è ancora in fase sperimentiale. E non tutti sono favorevoli: ad Amsterdam, per esempio, le associazioni di categoria si sono opposte. 

Come funziona

Per ottenere il braccialetto, i clienti devono prima recarsi in un punto prestabilito e mostrare il codice Qr dall'applicazione CoronaCheck, l'equivalente olandese di Immuni. Una volta ottenuto il braccialetto, è possibile recarsi in tutti quei posti dove è richiesto il Green pass, ossia pub, ristoranti, musei e altri luoghi pubblici. Uno dei limiti del braccialetto è il fatto che ha una validità di 24 ore. L'altro problema è che c'è il rischio che il braccialetti finiscano anche a chi non ha il Green pass. 

Per il momento, i braccialetti sono utilizzati a Groningen, Heerenveen, L’Aia, Rotterdam, Utrecht, Zwolle, Breda, Maastricht, Arnhem, Alkmaar e Roosendaal, scrive 31mag. Secondo il portavoce della Khn, l'associazione di categoria dell'industria alberghiera e della ristorazione, l'esperimento è una "vittoria per tutti", proprietari dei locali e clienti. "Il secondo fine settimana dell'iniziativa è andato bene, ed è positivo che molti Comuni stiano abbracciando l'idea", ha detto. Tra questi Comuni non c'è quello di Amsterdam: i proprietari dei locali della capitale olandese si oppongono all'uso del braccialetto perché non avrebbe “nessun valore aggiunto”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Braccialetti Covid al posto del Green pass: l’esperimento olandese

Today è in caricamento