menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
ANSA/ANTONIO ANDREUCCI

ANSA/ANTONIO ANDREUCCI

Arriva l'auto che capisce se l'autista è ubriaco. E rallenta e accosta da sola

Il progetto della Volvo grazie a delle telecamere puntate sugli occhi rileverà lo stato di ebrezza e, chiamando uno speciale call center, metterà in moto una procedura d'emergenza

“Non è che hai bevuto troppo? Forse è il caso che ti fermi e smetti di guidare”. È questo il consiglio che presto si sentiranno dire alcuni guidatori che hanno alzato un po' troppo il gomito. La cosa particolare sarà che a darglielo non sarà un amico seduto nell'abitacolo con lui, ma la stessa auto. La Volvo ha annunciato che presto tutte le sue auto nuove saranno dotate di telecamere che riescono a individuare quando l'autista bevuto troppo e che in caso di emergenza rallenteranno automaticamente e si fermano accostandosi sul lato della strada.

La casa automobilistica svedese, di proprietà del gruppo cinese Geely, ha svelato che il nuovo sistema sarà implementato all'inizio del 2020 in un tentativo di ridurre a zero il numero delle persone ferite o uccise in incidenti causati da una Volvo. "Quando si tratta di sicurezza, il nostro obiettivo è evitare del tutto gli incidenti piuttosto che limitare l'impatto quando un incidente è imminente e inevitabile", afferma Henrik Green, vice presidente dell'azienda per la ricerca e lo sviluppo. "In questo caso, le telecamere monitoreranno il comportamento che potrebbe portare a lesioni gravi o morte", ha aggiunto.

Le nuove auto saranno dotate di telecamere puntate sugli occhi del guidatore, in grado di controllare se restano chiusi troppo a lungo e anche di misurare la dilatazione delle pupille. Se il dispositivo determinerà che la persona al volante è ubriaca o distratta, invierà inizialmente un segnale acustico che suggerirà di stare più attento. Se il conducente non risponderà, l'auto entrerà in uno "stato di emergenza", rallentando e chiamando uno speciale call center Volvo. Se l'autista non risponderà ancora a quel punto l'auto accosterà e rallenterà mentre l'operatore del call center rimarrà in linea per fornire ulteriore assistenza.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

EuropaToday è in caricamento