Arriva l'auto che capisce se l'autista è ubriaco. E rallenta e accosta da sola

Il progetto della Volvo grazie a delle telecamere puntate sugli occhi rileverà lo stato di ebrezza e, chiamando uno speciale call center, metterà in moto una procedura d'emergenza

ANSA/ANTONIO ANDREUCCI

“Non è che hai bevuto troppo? Forse è il caso che ti fermi e smetti di guidare”. È questo il consiglio che presto si sentiranno dire alcuni guidatori che hanno alzato un po' troppo il gomito. La cosa particolare sarà che a darglielo non sarà un amico seduto nell'abitacolo con lui, ma la stessa auto. La Volvo ha annunciato che presto tutte le sue auto nuove saranno dotate di telecamere che riescono a individuare quando l'autista bevuto troppo e che in caso di emergenza rallenteranno automaticamente e si fermano accostandosi sul lato della strada.

La casa automobilistica svedese, di proprietà del gruppo cinese Geely, ha svelato che il nuovo sistema sarà implementato all'inizio del 2020 in un tentativo di ridurre a zero il numero delle persone ferite o uccise in incidenti causati da una Volvo. "Quando si tratta di sicurezza, il nostro obiettivo è evitare del tutto gli incidenti piuttosto che limitare l'impatto quando un incidente è imminente e inevitabile", afferma Henrik Green, vice presidente dell'azienda per la ricerca e lo sviluppo. "In questo caso, le telecamere monitoreranno il comportamento che potrebbe portare a lesioni gravi o morte", ha aggiunto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le nuove auto saranno dotate di telecamere puntate sugli occhi del guidatore, in grado di controllare se restano chiusi troppo a lungo e anche di misurare la dilatazione delle pupille. Se il dispositivo determinerà che la persona al volante è ubriaca o distratta, invierà inizialmente un segnale acustico che suggerirà di stare più attento. Se il conducente non risponderà, l'auto entrerà in uno "stato di emergenza", rallentando e chiamando uno speciale call center Volvo. Se l'autista non risponderà ancora a quel punto l'auto accosterà e rallenterà mentre l'operatore del call center rimarrà in linea per fornire ulteriore assistenza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il film sui migranti di Rocco Siffredi vince l'Oscar del porno di Berlino

  • Per l'Ue anche l'Italia è zona rossa: si salva solo la Calabria (che però perde il "bollino" verde)

  • Erdogan in mutande su Charlie Hebdo, la rabbia del presidente turco: "Canaglie immorali"

  • L'Olanda manda i malati di Covid in Germania: "Nelle terapie intensive solo 200 posti ancora liberi"

  • Erdogan su Macron: "Ha problemi mentali". Conte col presidente francese: "Parole inaccettabili"

  • Dopo la Brexit il Regno Unito pensa di espellere i senzatetto stranieri

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
EuropaToday è in caricamento