Bocciate le nuove regole sulle auto connesse a internet (che piacevano a Volkswagen e Renault)

L'Italia ha votato insieme ad altri 20 Paesi per impedire che la tecnologia preferenziale fosse il wifi invece del 5G, scelta che avrebbe creato un vantaggio per le due case automobilistiche

Foto Ansa EPA/JAKUB KAMINSKI

Il wifi non sarà lo standard utilizzato dalle auto per le connessioni da utilizzare per le tecnologie di trasporto intelligente. Il Consiglio Ue ha bocciato la proposta della Commissione sulla ''Delegated regulation'' per i sistemi di trasporto intelligenti (C-ITS), un regolamento che propone il cosiddetto ITS-G5, simile al wifi, come standard privilegiato per le frequenze a dispetto dei sistemi che si appoggiano alle reti 4G già esistenti e che saranno potenziati dall'introduzione dei servizi 5G di prossima generazione.

Italia contraria

La proposta non è passata, essendo stata respinta dalla maggioranza qualificata rinforzata di 21 Paesi, tra cui l'Italia, in quanto l'approccio della Commissione è ritenuto pericoloso per la neutralità neutralità tecnologica rispetto all'esigenza di mettere a punto infrastrutture digitali integrate a livello europeo. Come spiega i Ministero delle infrastrutture e dei trasporti in una nota non potendosi modificare la proposta dell'esecutivo Ue, che non è emendabile, in particolare l'articolo 33 e la clausola di compatibilità a posteriori, l'Italia ha scelto di votare contro il vincolo tecnologico che conduce a una soluzione “le cui prospettive di mercato sono peraltro ancora labili e lontane e che comunque non garantisce la possibilità di sfruttare appieno tutte le potenzialità del 5G”.

Il no delle case automobilistiche

Contro il provvedimento si erano schierate in passato Bmw e Deutsche Telekom che avevano chiesto al governo tedesco di bloccare in quanto scegliere la tecnologia wifi avrebbe significato a loro avviso fare un favore a Volkswagen e Renault, che già la utilizzano. Ford, Daimler, Psa e l’intera industria europea delle tlc, che puntano sul 5G, pure avevano espresso forti riserve sulla proposta di Bruxelles.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Felici le imprese di Tlc

Assotelecomunicazioni ha accolto "positivamente" il rigetto della proposta sottolineando che "a confronto con il Wifi, le tecnologie di telecomunicazioni 4G-Lte e 5G-Nr sono migliori in termini di prestazioni, copertura, costi e sicurezza”, e che “già oggi la tecnologia 4G-Lte è supportata da una amplissima rete di infrastrutture che copre tutto il territorio nazionale, come autostrade, strade urbane e aree rurali”. L'associazione confindustriale della filiera tlc ha evidenziato che "i sistemi cellulari consentono una maggiore ricchezza di prestazioni nelle comunicazioni dei veicoli tra di loro e verso l'infrastruttura, i pedoni e verso la rete. Al contrario, la tecnologia Wifi esclude la comunicazione verso le persone fisiche e copre aree limitate, non consentendo una supervisione completa del territorio".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Altro che Mes, l'Italia pronta a rinunciare anche ai prestiti del Recovery fund

  • Conte va via e lascia Merkel a rappresentare l'Italia al vertice Ue. La Lega attacca (ma è la prassi)

  • È vero che l'Ue vuole tassare la prima casa? Sì, ma solo se sei ricco

  • La Corte Ue "salva" il taglio dei vitalizi agli eurodeputati italiani

  • Il villaggio di Babbo Natale è in crisi per colpa del Covid

  • Si rifiuta di stringere la mano alle donne. Negata cittadinanza a medico libanese

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
EuropaToday è in caricamento