rotate-mobile
Giovedì, 8 Dicembre 2022
La decisiopne / Austria

In Austria niente più isolamento per i malati Covid, basta una Ffp2

Se asintomatici si potrà addirittura andare a lavoro, resteranno off limits le strutture in cui ci sono persone vulnerabili come gli ospedali. Al ristorante si potrà andare ma senza mangiare

L'Austria ha deciso di eliminare del tutto l'isolamento per le persone con il coronavirus. Dal primo agosto i contagiati potranno uscire di casa, ma a patto che indossino una mascherina Ffp2. Lo ha annunciato il ministro della Salute, Johannes Rauch, secondo cui si tratta di “un buon compromesso”. "Non possiamo vivere per anni questo livello di crisi legata alla pandemia", ha affermato il politico dei Verdi, che ha precisato che se la situazione dovesse tornare a peggiorare, il governo imporrà misure più severe. Come riporta The Local, Rauch ha sottolineato che la situazione pandemica ha raggiunto una nuova fase. "Abbiamo il vaccino, abbiamo i farmaci, le persone stanno assumendo un decorso della malattia più lieve rispetto a prima", ha detto.

In mattinata la commissione di esperti ha approvato la bozza dell'ordinanza, che dovrebbe essere valida a livello nazionale, per questo motivo la fine della quarantena riguarderà anche Vienna, che finora ha sempre seguito una linea più rigida rispetto agli altri Laender. Il sindaco della capitale, Michael Ludwig, ha affermato di ritenere che il rilassamento sia un "passo nella direzione sbagliata", ma se la quarantena verrà abolita a livello nazionale, la città non potrà mantenere l'obbligo di isolamento, poiché sarebbe troppo difficile da attuare visto che arrivano 300mila pendolari ogni giorno. Ai malati verrà chiesto di mantenere il distanziamento fisico di almeno due metri, e a loro sarà vietato solo entrare in ospedali, strutture infermieristiche e per disabili e termali, strutture per l'infanzia, e scuole elementari. In ristoranti e bar invece si potrà entrare, ma non potendosi togliere la mascherina, non si potrà né bere né mangiare.

Se senza sintomi si potrà addirittura andare a lavorare anche se positivi, ma sempre con la mascherina Ffp2 indossata. Il governo ha invitato però quelli che dovessero avere febbre o tosse a chiedere un permesso di malattia. Tuttavia, non potranno lavorare persone con tampone positivo se l'uso della mascherina renderà impossibile l'attività lavorativa, come logopedisti e musicisti. Il ministro del Lavoro Martin Kocher (Övp) ha affermato che i gruppi vulnerabili dovrebbero essere protetti negli uffici e un'ordinanza specifica è in preparazione per i luoghi di lavoro in cui sono presenti persone a rischio. Kocher ha affermato che le aziende dovranno elaborare misure come i programmi di lavoro da casa per le persone a rischio. Inoltre, i lavoratori appartenenti a gruppi vulnerabili potrebbero essere esentati dal lavoro presentando un “certificato di rischio”.

Il Retno Unito è stato il primo Paese europeo ad eliminare l'isolamento per i contagiati, che non è più obbligatorio dalla fine di marzo. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In Austria niente più isolamento per i malati Covid, basta una Ffp2

Today è in caricamento