rotate-mobile
Lunedì, 24 Gennaio 2022
Mobilità

Il boom dei monopattini elettrici si ferma ad Amsterdam: "Restano vietati su strada"

In Olanda la legge ne impedisce l'uso al di fuori di spazi privati, ma sempre più cittadini aggirano le norme. E la Capitale rafforza la stretta. Nel nome delle bici

Il boom dei monopattini elettrici in Europa si ferma ad Amsterdam: qui, come nel resto dei Paesi Bassi, la loro circolazione su strada è vietata, salvo rare eccezioni, ma sempre più cittadini stanno aggirando i divieti. Un fenomeno che si pensava potesse portare a un'apertura verso questo mezzo di trasporto. Un'ipotesi che la Capitale olandese ha presto smentito: la coalizione "verde-liberale" al governo della città ha presentato una proposta per aumentare i controlli e la stretta su chi non rispetta le regole. 

"In molte altre città europee, senza una cultura della bicicletta, l'e-scooter è spesso presente nel paesaggio stradale, ma questo non è auspicabile ad Amsterdam", si legge nella proposta di legge fatta dal comune. “In città a volte sono già visibili, anche se sono vietati sulle strade pubbliche, e all’estero li vedi ovunque”, ha detto il consigliere Jan-Bert Vroege. “Gli sviluppi nella mobilità a volte sono positivi, ma a volte devi dire: non lo vogliamo”. Secondo Vroege, i marciapiedi e le piste ciclabili nel centro della città, in particolare, non sono abbastanza larghi per un mezzo di trasporto aggiuntivo, spiega 31mag.

Sulla carta, l'Olanda vieta l'utilizzo di monopattini elettrici al di fuori della propria abitazione, fatta eccezione per pochissimi modelli che devono rispettare degli standard di sicurezza rigidissimi. Per essere omologato il monopattino deve avere due sistemi di frenatura indipendenti, freni su entrambe le ruote, una luce di stop, indicatori di direzione anteriori e posteriori, pneumatici e nessuna trazione anteriore, tutte caratteristiche che la maggior parte dei mezzi non posseggono. Sviluppare un modello completamente nuovo per un piccolo mercato come i Paesi Bassi non sarebbe convenuto ai produttori e per questo motivo i marchi più importanti di "e-scooter" condivisi, non si sono installati nei Paesi Bassi.

L'Olanda si conferma ancora il Paese con la regolamentazione più stringente in materia di monopattini elettrici, fatta qualche eccezione che riguarda il limite di velocità o di età nel resto d'Europa l'utilizzo è sempre permesso. Due Paesi scandinavi hanno tuttavia tentato di limitare l'utilizzo di questi mezzi. Copenaghen, che aveva vietato completamente gli e-scooter elettrici entro il 2020, ha deciso di reintrodurli ma a condizioni rigorose il mese scorso. A luglio, la città di Oslo ha introdotto una serie di restrizioni, tra cui un limite al numero di monopattini a 8.000 (da 20.000) e un divieto di utilizzo tra le 23 e le 5.30 del mattino.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il boom dei monopattini elettrici si ferma ad Amsterdam: "Restano vietati su strada"

Today è in caricamento