menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Governo ferma concerto-test da 10mila spettatori: "Feste Covid-free prive di base scientifica"

In Olanda statistici, virologi ed epidemiologi si sono schierati contro questi eventi a cui hanno partecipato migliaia di persone, organizzati per analizzare i rischi di contagio e lavorare a un ritorno alla normalità

Doveva tenersi il 24 aprile e accogliere ben 10mila spettatori. Ma il concerto Covid-free organizzato a Breda da una emittente radiofonica è stato annullato dalle autorità olandesi. Il motivo, secondo le dichiarazioni ufficiali, è di ordine pubblico. Ma lo stop arriva proprio dopo che gli esperti del governo dell'Aja hanno alzato la voce contro una serie di eventi-test promossi dallo stesso esecutivo nel tentativo di sperimentare nuove maniere per tornare lentamente alla normalità nelle nostre società. Secondo gli scienziati, tali eventi sono privi di evidenze scientifiche e si sono detti “sorpresi” che vengano organizzati "con il placet del governo”. Accuse che evidentemente hanno colto nel segno.

Campione più grande del necessario

Secondo Casper Albers, professore di statistica presso l’Università di Groningen, il rischio più grande di questi eventi, organizzati da Fieldlad, sarebbe stato quello di “ammettere così tante persone all’esperimento”. Il professore ha sostenuto che prima di procedere con qualsiasi analisi è necessario individuare una “domanda di ricerca specifica” e che in questo caso “utilizzare un campione molto più grande del necessario ha comportato l’esposizione a rischi molto alti”. Secondo lui il test poteva tranquillamente essere fatto anche solo con la partecipazione di mille persone, non 10mila come è avvenuto. Inoltre, Albers sostiene che “ci sono degli interessi dietro questi esperimenti che hanno spinto il governo a dire che gioco vale la candela, ma dal punto di vista scientifico non sono assolutamente validi”.

Nessun piano di ricerca concreto

Maarten van Smeden, statistico medico presso Umc Utrecht, si è dimostrato estremamente critico nei confronti degli eventi-test di Fieldlad. Secondo lui non solo “manca completamente un piano di ricerca concreto” ma non è nemmeno “chiaro cosa si stia cercando esattamente”. Van Smenden ha però risposto alla critica di Albens sulle persone coinvolte che mancando questi elementi necessari per un’indagine “non è possibile valutare correttamente la grandezza del campione necessaria affinché gli esperimenti possano avere successo”. L’accusa più dura di Van Smenden è verso il governo che secondo lui “dovrebbe svolgere un ruolo esemplare per mostrare come condurre una ricerca approfondita”. Ha definito gli eventi di Fieldlad “pseudo-esperimenti” perchè i risultati sono facilmente “manovrabili”.

La festa di Breda e la petizione 

Come spiega l’emittente Bnr radio, i due scienziati non sono i soli a mostrare dubbi nei confronti delle feste covid-free. Anche virologi ed epidemiologi, inclusi i membri dell’Outbreak Managment Team (Omt), ritengono che sia troppo presto per organizzare eventi così importanti. Addirittura, è partita una petizione per annullare una festa prevista a Breda il 24 aprile, proposta dallo stesso sindaco della città, Paul Depla. Come spiega Dutchnews, probabilmente proprio grazie alla raccolta firme, presentata da un chirurgo dell'Amphia Hospital, che ora conta più di 370mila nomi, l'evento è stato ora annullato. Ma a detta del consiglio comunale di Breda, la decisione di revocare il permesso per il controverso concerto, che già era andato sold-out vendendo tutti i 10mila biglietti, è stata presa "per l'elevato rischio per l'ordine pubblico". 


 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

EuropaToday è in caricamento