rotate-mobile
Giovedì, 8 Dicembre 2022
Lo scandalo / Regno Unito

La cittadina dove per 40 anni mille bambine sono state violentate nel silenzio delle autorità

Lo scandalo a Telford, nel Regno Unito. Una ragazza rimasta incinta uccisa dopo aver cercato di denunciare gli abusi. Sotto accusa la polizia

Mille bambine sono state vittime del più grande scandalo di abusi sessuali conosciuto in Gran Bretagna, in cui bande di violentatori prendevano di mira ragazze di soli 11 anni. L'inferno è andato avanti per 40 anni nella cittadina di Telford, come ricostruito da una commissione d'inchiesta istituita per far luce sullo scandalo.

Il quotidiano britannico Sunday Mirror riferì quattro anni fa che centinaia di ragazze erano state drogate, maltrattate e abusate a partire dagli anni '80. Le autorità avevano sistematicamente sottovalutato il problema, ha affermato il quotidiano, e avrebbero taciuto sul background asiatico di alcuni degli autori, temendo accuse di razzismo.

In un primo momento,la polizia locale prese le distanze dai numeri citati dal Sunday Mirror. Secondo il commissario di polizia di West Mercia, responsabile delle forze dell'ordine a Telford, la polizia era consapevole dell'entità dello scandalo, ma il giornale aveva esagerato notevolmente il numero di "forse mille vittime". Tuttavia, la commissione d'inchiesta ora conclude che il giornale aveva ragione. Inoltre, secondo il presidente Tom Crowther, gli abusi a Telford potrebbero andare avanti incontrollati per decenni.

Secondo l'indagine, durata tre anni, le autorità hanno permesso che gli abusi continuassero per diversi anni "senza una risposta adeguata", incolpando, in varie occasioni, i bambini piuttosto che gli autori. Allo stesso tempo, gli insegnanti e gli assistenti all'infanzia sono stati scoraggiati dal denunciare i casi.

Secondo la commissione d'inchiesta, lo sfruttamento delle ragazze spesso giovani non è stato sufficientemente indagato a causa del "nervosismo per la razza". Le autorità temevano che un'indagine sui sospetti asiatici avrebbe portato a "tensioni razziali".

Nel corso degli anni diversi uomini sono stati incarcerati per sfruttamento sessuale di bambini a Telford. Il presidente della commissione d'inchiesta Crowther parla di "terribile sofferenza di generazioni di bambine". Gli autori degli abusi si concentravano sulle bambine più vulnerabili. Le vittime ricevevano cibo, alcol o sigarette, per poi venire abusate. Alcune ragazze sono rimaste incinte dopo essere state violentate, ha affermato la commissione. Molte vittime e le loro famiglie hanno anche ricevuto minacce di morte quando hanno cercato di fermare gli abusi.

Il rapporto racconta il caso di una ragazza rimasta incinta dal tassista Azhar Ali Mehmood quando aveva 14 anni. Due anni dopo, Mehmood ha dato fuoco alla casa della ragazza, uccidendo lei, sua sorella e sua madre. Mehmood è stato condannato all'ergastolo nel 2001.

La polizia di West Mercia si è scusata "inequivocabilmente" per gli eventi passati in risposta al rapporto. Il capo della polizia Richard Cooper dice che vuole scusarsi con tutte le vittime. "Le nostre azioni sono state di gran lunga inferiori all'aiuto e alla protezione che avreste dovuto ricevere da noi. E' inaccettabile, vi abbiamo deluso". Secondo Cooper, la polizia ora dispone di squadre dedicate alla prevenzione e alla lotta allo sfruttamento minorile. C'è anche una migliore cooperazione con le organizzazioni per la protezione dell'infanzia, dice.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La cittadina dove per 40 anni mille bambine sono state violentate nel silenzio delle autorità

Today è in caricamento