rotate-mobile
Mercoledì, 17 Aprile 2024
I rischi della sedentarietà

Nel mondo più di un miliardo di persone sono obese. In 30 anni quadruplicati i bimbi "oversize"

Sulla rivista The Lancet uno studio ha raccolto i dati sulla malnutrizione a livello globale. L'Italia tra gli Stati europei con maggiori problemi di obesità infantile

Una persona su otto nel mondo è obesa. In totale oltre un miliardo di individui soffrono di obesità. Nell'arco di una trentina d'anni, dal 1990 al 2022, la quota di adulti ‘oversize' è più che raddoppiata tra le donne e quasi triplicata negli uomini. Il dato che desta maggiore preoccupazione riguarda però bambini ed adolescenti. Nella fascia dai 5 ai 19 anni la quota di obesità è quadruplicata a livello mondiale. A questi dati non sfugge l'Italia, che risulta tra i Paesi europei dove è più diffuso questo problema. Lo dice uno studio globale pubblicato il 29 febbraio sulla rivista scientifica The Lancet, in occasione del World Obesity Day, che cadrà il prossimo 4 marzo. In base ai calcoli ci sono 159 milioni di bambini e adolescenti e 879 milioni di adulti nel mondo che risultano obesi. Un gradino sotto ci sono le persone sovrappeso, che coincidono col 43% degli adulti. In parallelo c'è una notizia positiva: sono diminuiti i tassi di persone denutrite e sottopeso, la cui condizione resta diffusa principalmente in alcune regioni dell'Africa e dell'Asia meridionale. In gran parte dei Paesi la criticità maggiore è quindi rappresentata dall'obesità. 

Le tante facce della malnutrizione

Gli autori dello studio hanno raccolto e analizzato dati provenienti da ben 3663 ricerche diffuse dall'Organizzazione mondiale della salute. Obesità e denutrizione rientrano entrambe nella categoria più ampia della malnutrizione. La denutrizione, quindi un apporto troppo basso di cibo e dei suoi nutrienti rispetto alle necessità dell'individuo, è responsabile della metà dei decessi dei bambini sotto i 5 anni. Dal lato opposto della medaglia abbiamo l'obesità, che può causare malattie cardiovascolari, diabete e alcuni tipi di cancro. Si tratta di una malattia cronica complessa, a cui concorrono più cause: eccesso di cibi e bevande ricchi di zuccheri e grassi, consumo insufficiente di frutta e verdura, scarsa attività fisica. Sulle scelte sbagliate degli individui influiscono un basso livello di educazione alimentare, combinato a prezzi decisamente più ridotti per cibi insalubri anziché per quelli più ricchi di vitamine e nutrienti o di qualità superiore. Influiscono poi pubblicità martellanti o mode diffuse sui social come quelle del 'food porn' o dei 'food challenge'. Incidono anche gli aspetti psicologici di un errato rapporto col cibo e fattori genetici.

La pressione delle lobby degli zuccheri

In occasione dell'Assemblea mondiale della sanità del 2022, gli Stati membri avevano adottato un piano di contrasto all'obesità che puntava a sostenere le azioni a livello nazionale fino al 2030. Ciò nonostante molti fattori concorrono a frenare questi piani. Le lobby dei produttori di cibi, che non sono cattivi in sé, ma andrebbero consumati con moderazione, esercitano continue pressioni sui politici nazionali ed europei per sfuggire a leggi come la "sugar tax", come anche per evitare di modificare ricette dove troviamo abbondanza di zuccheri. Tramite pubblicità pressanti e presenza nelle mense, cercano in tutti i modi di influenzare e creare dipendenze sin dall'infanzia.

Italia maglia nera per l'obesità infantile in Europa

Nell'Unione europea, in base ai dati raccolti tra il 2018 e il 2020 dall'Oms, il 29% dei bambini di età compresa tra 7 e 9 anni è in sovrappeso, mentre il 12% soffre di vera e propria obesità. L'Italia, insieme a Grecia, Portogallo, Slovenia e Spagna registra i dati più alti della Regione europea, nonostante una leggera diminuzioni rispetto al periodo 2007-2008. 
L'Unione europea aveva lanciato il piano d'azione dell'Ue sull'obesità infantile, per arrestare l'aumento del sovrappeso nei bambini e nei giovani entro il 2020. Lo scorso anno con l'iniziativa Ue Together — Eu Ncd, Bruxelles ha fornito un quadro di sostegno alle azioni degli Stati membri in materia di salute, compresa la prevenzione dell'obesità. A questo si associa il programma di lavoro EU4Health 2022, che comprende un'azione comune con un bilancio di 75 milioni di euro e sovvenzioni per le parti interessate all'attuazione dei progetti correlati. La Commissione Ue sta inoltre avviando uno studio di un anno che valuta il piano d'azione dell'Ue 2014-2020 sull'obesità infantile per informare i legislatori sulle decisioni future, come indicato nel piano europeo per il cancro.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nel mondo più di un miliardo di persone sono obese. In 30 anni quadruplicati i bimbi "oversize"

Today è in caricamento