"Troppo tempo sui social mette a rischio il rendimento scolastico dei giovani"

Una ricerca svolta sugli adolescenti del Regno Unito mostra che troppi passano 3 o più ore al giorno online, e questo causa problemi di sonno e di conseguenza peggiori risultati nello studio

Quella dei social network sta diventando sempre più una mania, soprattutto per i giovani, che passano ore e ore a guardare e condividere foto, video a altro sulle diverse piattaforme online. Ma questo mette a rischio anche il loro rendimento scolastico, soprattutto quando sui social si passa troppo tempo di sera, cosa che causa problemi e riduzione delle ore di sonno. Lo afferma uno studio nell'Università di Glasgow pubblicato in anteprima dal Guardian.

A quanto pare più di un terzo degli adolescenti passa almeno tre ore al giorno sui social media, con un quinto di loro che dedica almeno cinque ore all'attività, hanno scoperto i ricercatori. E quelli che ci stanno tre ore o più al giorno hanno più probabilità di restare svegli fino a tardi. Andare a dormire tardi durante i giorni di scuola è un problema perché, sostiene lo studio, mette gli adolescenti a rischio di "scarso rendimento scolastico ed emotivo". Il sonno insufficiente nell'adolescenza è stato collegato poi a una serie di problemi di salute mentale e obesità. Inoltre la ricerca ha rilevato anche che gli utenti più assidui sono soliti svegliarsi anche durante la notte, una abitudine negativa che può essere causato dall'ansia di ricevere e controllare le notifiche o di leggere risposte a conversazioni online avviate ore prima.

"Abbiamo scoperto che gli adolescenti che passavano più tempo con i social media avevano più probabilità di addormentarsi tardi nei giorni di scuola e anche che di conseguenza tendevano a svegliarsi più tardi. In questo modo difficilmente riescono a recuperare le ore di sonno di cui hanno bisogno per studiare”, ha spiegato Holly Scott dell'Università di Glasgow, prima autrice dello studio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I ricercatori hanno preso in considerazione i dati analizzati dal Millennium Cohort Study del Regno Unito, un'indagine rappresentativa a livello nazionale che mira a esplorare l'impatto della vita domestica sullo sviluppo di bambini e adolescenti. Lo studio si è concentrato sulle abitudini di quasi 12.000 ragazzini di età compresa tra 13 e 15 anni provenienti da tutto il Regno Unito. Secondo il rapporto, l'adolescente medio trascorreva una o tre ore sui social media ogni giorno. Un terzo, per lo più ragazzi, passava meno di un'ora al giorno sui siti. L'uso dei social media è stato classificato come "alto" per il 14%, che era attivo da tre a cinque ore e "molto alto" per il 21%, che era attivo per cinque o più ore. Le ragazze erano molto più “addicted” rispetto ai ragazzi con il 28% di loro che passava cinque ore o più sui social rispetto al 14% dei ragazzi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'Ue "promuove" la Calabria sul Covid: unica regione verde in Italia e tra le poche in Europa

  • Il décolleté della premier divide la Finlandia: "Fa la modella invece di pensare al Covid"

  • Altro che Mes, l'Italia pronta a rinunciare anche ai prestiti del Recovery fund

  • Conte va via e lascia Merkel a rappresentare l'Italia al vertice Ue. La Lega attacca (ma è la prassi)

  • È vero che l'Ue vuole tassare la prima casa? Sì, ma solo se sei ricco

  • La Corte Ue "salva" il taglio dei vitalizi agli eurodeputati italiani

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
EuropaToday è in caricamento