Vittime della strada, l’Italia sopra la media Ue

Gli incidenti mortali sono diminuiti di un quinto nel giro di 8 anni, ma Paesi come Germania, Regno Unito e Svezia restano ancora lontani

Le strade italiane continuano a essere più insicure rispetto alla media Ue, anche se il numero di incidenti mortali è diminuito del 20% negli ultimi otto anni. Secondo i dati pubblicati dalla Commissione europea, infatti, nel 2018 nel nostro Paese sono morte sulle strade 55 persone ogni milione di abitanti, contro le 49 registrate in tutta l’Ue. 

Ancora maggiore è la distanza rispetto a Stati membri come Germania e Regno Unito, dove le vittime della strada ogni milione di abitanti sono state rispettivamente 39 e 28. Tra i Paesi Ue “più sicuri” per gli automobilisti ci sono anche Danimarca (30), Irlanda (31) e Svezia (32). 

I Paesi più pericolosi sono invece la Romania (96 decessi per milione di abitanti), Bulgaria (88), Lettonia (78) e Croazia (77). Ma proprio questi stati 'maglia nera' sono quelli che si sono impegnati di più per ridurre i decessi sulle strade: prima la Grecia (-45% su 8 anni), poi Lituania (-43%), Portogallo (-35%), Slovenia (-34%), Danimarca e Lettonia (-31%) e Irlanda (-30%).

Anche l’Italia, come dicevamo, fa registrare una diminuzione significativa, passando dalle 70 vittime ogni milione di abitanti nel 2010 alle 55 del 2018, un quinto in meno. Più o meno lo stesso trend che si registra nel complesso dei 28 Paesi europei e che è lontano da quel 50% che l’Ue si era prefissata di raggiungere entro il 2020.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Un ultimo dato: le vittime degli incidenti stradali non  sono solo persone che viaggiano in auto ma anche pedoni, ciclisti e motociclisti, che diventano addirittura le prime nelle aree urbane, rappresentando rispettivamente il 70% del totale (40% pedoni, 30% due ruote). 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • In Svezia non c'è la seconda ondata, l'epidemiologo di Stato: "La nostra strategia è sostenibile"

  • "Chiamatemi Principessa", la figlia illegittima del re vuole i titoli. Ma la Casa reale dice no

  • “Salvini marionetta di Putin”, l'alleato di Berlusconi attacca la Lega

  • La Germania ha deciso: il vaccino per il coronavirus sarà volontario

  • I profitti sono cresciuti del 35%, ma Amazon paga solo il 3% di tasse in più

  • Sempre più Tory contro la violazione dei patti sulla Brexit, Cameron quinto ex premier a dire no

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
EuropaToday è in caricamento