"Il vaccino di Moderna efficace al 94,5%"

L'annuncio dell'azienda: il preparato può essere conservato in frigo. Il prezzo sarà di 25 dollari. Serviranno due dosi a distanza di tre settimane

Il vaccino di Moderna contro il coronavirus è efficace al 94,5%. Ed è stabile tra i due e gli otto gradi per trenta giorni. Lo comunica oggi la stessa azienda sottolineando che il vaccino mRNA-1273 "rimane stabile a -20° C per un massimo di sei mesi" mentre a temperatura ambiente "la durata massima dell'efficacia è pari a 12 ore". "Riteniamo che i nostri investimenti nella tecnologia di consegna dell'mRNA e nello sviluppo del processo di produzione ci consentiranno di immagazzinare e spedire il nostro vaccino candidato COVID-19 alle temperature che si trovano comunemente nei congelatori e nei frigoriferi farmaceutici prontamente disponibili", ha affermato Juan Andres, Chief Technical Operations e Quality Officer al Moderna. La scorsa settimana, Pfizer aveva annunciato per il suo vaccino un'efficacia del 90%.

Il vaccino di Moderna efficace al 94,5%

L'azienda annuncia che arriverà una richiesta per l'uso d'emergenza del vaccino da parte degli Stati Uniti nelle prossime settimane. I vaccini di Pfizer e Moderna condividono l'utilizzo della stessa nuova piattaforma per l'immunizzazione, basata sull' impiego dell' RNA messaggero. Il vaccino allo studio di Moderna, a differenza di quello di Pfizer-Biontech - efficace al 90% - si conserva in un normale frigorifero per 30 giorni, mentre l'altro ha bisogno di essere mantenuto a temperature di 70 gradi celsius sotto le zero. Secondo le prime informazioni il prezzo sarà di 25 dollari e includerà una quota di profitto, mentre le altre aziende hanno dichiarato che lo venderanno a prezzo di costo. Nel 2020 i primi venti milioni di dosi saranno destinati al mecato americano.  Il  vaccino di Moderna non ha avuto effetti collaterali, al massimo qualche grado di febbre, un po’ di stanchezza e l’indolenzimento nel punto dell’iniezione. Ha bisogno di una seconda dose quattro settimane dopo la prima (per Pfizer la distanza è di tre settimane).

La biotech ha sede nel Massachusetts, ha ricevuto 2,4 miliardi di dollari di finanziamento dal governo Usa, tramite l’operazione Warp Speed e ha annunciato per il momento che chiederà l’approvazione d’urgenza presso l’agenzia federale Food and Drug Administration. L'Agenzia europea del farmaco ha comunque avviato l'analisi anticipata dei dati, la cosiddetta "rolling review", che permette di anticipare i tempi dell'approvazione. Cosa sappiamo della sicurezza e dell'efficacia di questo candidato vaccino? "La pubblicazione dei dati sui primati non umani ha mostrato che mRna-1273 ha portato a una robusta risposta immunitaria e alla protezione contro l'infezione da Sars-CoV-2. L'analisi ad interim dei dati della Fase 1 ha dimostrato che i titoli anticorpali neutralizzanti sono stati osservati nel 100% dei partecipanti valutati. Con la dose di 100 µg selezionata per la Fase 3 - aggiungono i ricercatori di Moderna - i titoli erano superiori a quelli osservati nei sieri di convalescenza", ovvero nel plasma dei pazienti guariti.

Il vaccino di Moderna costerà 25 dollari e ci vorranno due dosi

La notizia arriva nel giorno dell'avvio della revisione accelerata sul vaccino da parte dell'Ema, l'Agenzia europea del farmaco. Il lavoro illustrato oggi ha analizzato anche i casi gravi di Covid-19: sono stati inclusi in particolare 11 casi gravi (come definiti nel protocollo di studio) in questa prima analisi ad interim. "Tutti gli 11 casi si sono verificati nel gruppo trattato con placebo e nessuno nel gruppo vaccinato con mRna-1273". I 95 casi di Covid-19 includevano 15 over 65 e 20 partecipanti appartenenti a minoranze. Sulla base di questi dati, Moderna intende presentare la richiesta d'autorizzazione all'uso d'emergenza alla Food and Drug Administration Usa "nelle prossime settimane". "Questo è un momento cruciale per lo sviluppo del nostro candidato al vaccino contro il Covid-19. Dall'inizio di gennaio, abbiamo inseguito questo virus con l'intento di proteggere il maggior numero possibile di persone in tutto il mondo. Da sempre sappiamo che ogni giorno è importante. Questa analisi preliminare del nostro studio di Fase 3 ci ha dato la prima conferma clinica che il nostro vaccino può prevenire Covid-19, incluse le forme gravi", ha dichiarato Stéphane Bancel, amministratore delegato di Moderna.

L'autorizzazione all'uso d'emergenza si baserà sull'analisi finale di 151 casi e su un follow-up mediano di oltre 2 mesi, ricorda Moderna. L'analisi degli eventi avversi ha indicato inoltre che il vaccino è "generalmente sicuro e ben tollerato". La maggior parte, infatti, "è stata di gravità lieve o moderata". Fra questi: dolore al sito di iniezione (2,7%) affaticamento (9,7%), mialgia (8,9%), artralgia (5,2% ), mal di testa (4,5%), dolore (4,1%) ed eritema/arrossamento al sito di iniezione (2,0%). Questi eventi avversi "sono stati generalmente di breve durata". Moderna sta lavorando con i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (Cdc), con l'Operation Warp Speed ​​e con McKesson, un distributore di vaccini Covid-19 incaricato dal governo degli Stati Uniti, all'organizzazione della distribuzione del vaccino mRna-1273, nel caso in cui riceva l'autorizzazione all'uso. Entro la fine del 2020, la società prevede di avere circa 20 milioni di dosi di mRNA-1273 pronte per la spedizione negli Stati Uniti. Moderna si dice anche sulla buona strada per produrre da 500 milioni a 1 miliardo di dosi a livello globale nel 2021. "Davvero una buona notizia. Se si guarda ai dati, i numeri parlano da soli", dice il virologo in chief italo americano Anthony Fauci commentando con i media statunitensi i dati diffusi da Moderna a proposito del vaccino per il Covid-19. "Avevo detto che sarei stato soddisfatto di un vaccino efficace al 75%. In linea di aspirazione, si vorrebbe vedere il 90, 95 percento, ma non me lo aspettavo. Pensavo che saremmo stati bravi, ma il 94,5 percento è davvero impressionante". 

Intanto in attesa che partano gli scambi a Wall Street il titolo Moderna balza del 12% nel pre-trading, mentre cedono Pfizer (-1,6%) e Biontech (-5,6%) dopo i buoni risultati emersi dalla sperimentazione del vaccino della società americana, che fanno seguito a quello sviluppato dalla tedesca Biontech insieme al gruppo Usa Pfizer. 

Tre vaccini ci salveranno da Covid-19?

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • “Dal 1 gennaio basterà un ritardo di pagamento di 100 euro per finire nella blacklist delle banche”

  • Partecipa a orgia con 24 uomini, deputato del partito di Orban fermato dalla polizia a Bruxelles

  • Svizzera nuova Svezia? Senza lockdown ha dimezzato i contagi, ma è stato boom di morti

  • Pistola e lingotti d'oro nel comodino del premier bulgaro. Che si difende: “Colpa di una bella donna”

  • "Alexa è antisemita", Amazon apre un'inchiesta sull'assistente virtuale

  • "Tornerò in Russia per portarla verso l’Ue". Navalny lancia la sfida a Putin

Torna su
EuropaToday è in caricamento