Germania: “Multa fino a 2500 euro per chi non fa vaccinare i figli”

La misura drastica adottata dal Bundestag per contrastare il morbillo prevede anche l’esclusione da scuole e asili per i minori non immunizzati. L’anno scorso i casi di contagio sono aumentati del 350% in tutta Europa

Genitori no vax con le spalle al muro. Il Parlamento tedesco ha approvato un piano di vaccinazioni obbligatorie per contrastare la preoccupante avanzata del morbillo, che uccide ogni anno 2,6 milioni di persone in tutto il mondo. Anche in Europa i casi sono aumentati del 350% solo lo scorso anno, convincendo tanti Governi del Vecchio Continente ad adottare drastiche misure di immunizzazione dei bambini. A queste si aggiunge la nuova legge tedesca, che prevede una multa fino a 2500 euro per padri e madri che non fanno vaccinare il proprio figlio.

I minori non vaccinati restano a casa 

Alla sanzione pecuniaria si aggiunge il divieto per il bambino di frequentare asili e scuole. Il provvedimento entrerà in vigore il prossimo marzo e la sua introduzione verrà seguita da vicino dai sostenitori dell'immunizzazione obbligatoria negli altri Paesi Ue, a partire dall’Italia.

L'allarme morbillo in Italia

Secondo i monitoraggi effettuati dall’Istituto Superiore di Sanità, nei primi 9 mesi del 2019 nel Belpaese sono stati accettati 1596 casi di morbillo, di cui 19 nel solo mese di settembre. “Sono stati conteggiati 166 casi in bambini sotto i 5 anni di età” prosegue il rapporto che poi precisa: “L’86,5% dei casi non era vaccinato al momento del contagio e il 31% ha manifestato almeno una complicanza”.

Un problema europeo

In Germania, il Paese più popoloso d’Europa, lo scorso anno sono stati 543 i casi di malattia e nel 2019 sono stati segnalati finora 400 casi, un quarto di quelli accertati in Italia. In Europa, i casi sono passati da circa 5.270 nel 2016 ai quasi 24mila dell'anno successivo.

Prevenire l'epidemia 

Il ministero della Salute del Governo Merkel, durante la fase di discussione del provvedimento, descrisse la legge come “una protezione dell’infanzia”. “Un'infezione da morbillo è una minaccia inutile nel 2019”, sottolineò il ministero, nella speranza di convincere i movimenti no vax sulla serietà della situazione. Secondo l'Organizzazione mondiale della sanità, una copertura vaccinale del 95% della popolazione è infatti necessaria per prevenire un'epidemia di massa.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Contrari i Verdi

La nuova legge tedesca è stata ampiamente supportata tanto dai democratici cristiani di centrodestra (Cdu) quanto dai loro partner di Governo, i socialdemocratici di centrosinistra (Spd). Il partito dei Verdi è stato tra i più critici del provvedimento. Pur sostenendo le vaccinazioni, gli ecologisti avrebbero preferito una campagna educativa per convincere i genitori, piuttosto che obbligare le famiglie per legge. Ma per tanti operatori sanitari, la legislazione è il modo più efficace per cercare di ridurre, al più presto, il rischio di un'epidemia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rissa tra turisti e polizia, in Belgio accesso alle spiagge limitato ai residenti

  • Scrive "vuoi sposarmi?" con 100 candeline, e la casa prende fuoco

  • Dal punto di vista economico la strategia dell'immunità di gregge in Svezia ha pagato

  • Omicidi e guerre tra narcotrafficanti: in Svezia e Olanda è emergenza criminalità

  • "Le mascherine riducono anche la gravità del coronavirus per chi le indossa"

  • Oltre mille nuovi casi al giorno in Germania, mai così tanti da maggio

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
EuropaToday è in caricamento