Editore pro-Orban acquista giornale e licenzia il direttore: dimissioni di massa nella redazione

Caos a Index, uno degli ultimi media rimasti indipendenti in Ungheria. Circa 70 dei 90 redattori hanno abbandonato il quotidiano per protesta contro la rimozione di Szabolcs Dull. Migliaia di manifestanti in piazza e davanti l'ufficio del premier

La redazione di Index protesta contro il licenziamento del loro direttore

Più di 70 giornalisti e altri membri del personale del sito ungherese Index, uno degli ultimi media rimasti indipendenti in Ungheria, si sono dimessi dopo il mancato reintegro del direttore Szabolcs Dull, licenziato martedì scorso. Poco dopo l'annuncio delle dimissioni di massa dei giornalisti, a Budapest manifestanti sono scesi in piazza, marciando alla volta dell'ufficio del premier Viktor Orban, per chiedere il rispetto della libertà di stampa. Stando a quanto si legge sullo stesso sito Index, la causa delle dimissioni di massa è da ricercarsi nel "licenziamento del direttore Szabolcs Dull da parte dell'amministratore delegato di Index.hu Zrt., László Bodolai, e nel suo rifiuto di reintegrarlo per garantire l'indipendenza e il futuro di Index, come chiesto dalla redazione".

"Mercoledì scorso - ricordano i giornalisti - il personale ha preso posizione contro il licenziamento del direttore, bollando come inaccettabile la decisione di Bodolai". "Da anni sosteniamo che sono due le condizioni perchè Index sia indipendente: che non ci sia alcuna interferenza esterna sui contenuti o sulla struttura e composizione del personale. Il licenziamento di Szabolcs Dull ha violato la nostra seconda condizione - hanno precisato i giornalisti dimissionari - il suo licenziamento è una chiara interferenza nella composizione del nostro personale e non possiamo considerarlo in nessun altro modo se non come un chiaro tentativo di fare pressioni su Index.hu".

Poco dopo l'annuncio delle dimissioni, lo stesso sito ha pubblicato le immagini dei manifestanti scesi in piazza a Budapest. Timori per l'indipendenza del sito erano emersi dopo l'acquisto da parte di un imprenditore vicino a Orban, Miklos Vaszily, del 50% delle azioni dell'azienda che controlla pubblicità e ricavi di Index. L'imprenditore è già editore dell'emittente filo-governativa TV2 ed è ritenuto l'artefice dello schieramento a favore del governo di un altro sito ungherese, Origo. Il mese scorso, lo stesso direttore Dull aveva denunciato forte "pressione esterna", affermando che la redazione del sito era "in pericolo". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Secondo il Centro europeo per il pluralismo e la libertà dei media, l'Ungheria è uno dei casi più preoccupanti nell'Ue: i media tradizionali sono per lo più influenzati dal governo e a garantire una voce indipendente, in questi anni, sono stati proprio i siti web d'informazione. I casi di Origo prima, e di Index adesso vanno letti anche in questo quadro. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rissa tra turisti e polizia, in Belgio accesso alle spiagge limitato ai residenti

  • Scrive "vuoi sposarmi?" con 100 candeline, e la casa prende fuoco

  • Dal punto di vista economico la strategia dell'immunità di gregge in Svezia ha pagato

  • Omicidi e guerre tra narcotrafficanti: in Svezia e Olanda è emergenza criminalità

  • "Le mascherine riducono anche la gravità del coronavirus per chi le indossa"

  • Oltre mille nuovi casi al giorno in Germania, mai così tanti da maggio

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
EuropaToday è in caricamento