menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto Ansa EPA/QUIQUE CURBELO

Foto Ansa EPA/QUIQUE CURBELO

I tedeschi vogliono la linea dura sull'immigrazione in Europa

Secondo un sondaggio il 59 per cento dei cittadini è stanco dell'immigrazione irregolare, ma vorrebbe però canali legali per aiutare i rifugiati accogliendoli direttamente dai Paesi di origine

La Germania è il Paese che negli ultima anni ha accettato il maggiori numero di rifugiati nello schema volontario di ricollocamento in Europa, ed è da sempre una delle principali mete dei migranti, che provano a raggiungere la nazione in cerca di una vita migliore.

Il sondaggio

Ma i tedeschi sono stanchi dell'immigrazione irregolare e vorrebbero una linea più dura da parte dell'unione europea nella gestione dei confini esterni del blocco. Secondo un sondaggio pubblicato dal settimanale Welt Am Sonntag il cinquantanove per cento dei tedeschi vorrebbe una riconfigurazione del sistema europeo comune di accoglienza per "impedire ai richiedenti asilo di entrare nell'Ue illegalmente in futuro". Per i cittadini della Germania bisognerebbe concentrarsi invece sull'accoglienza delle "persone più vulnerabili direttamente dalle regioni in crisi", creando dei ponti aerei e gestendo così i flussi direttamente dai paesi di provenienza e creando canali di ingresso legali. Il trenta percento degli intervistati era contrario a quello scenario, mentre l'11 percento era indeciso.

Europa divisa

Da tempo a Bruxelles è in discussione una riforma delle regole dell'immigrazione, con i Paesi mediterranei come Italia, Grecia e Spagna, che chiedono un sistema di ricollocamenti obbligatorio dei migranti, per dividere l'onere dell'accoglienza, un'ipotesi che ha anche l'appoggio della Germania di Angela Merkel, ma che vede la forte opposizione soprattutto di Paesi come quello del blocco di Visegrad, guidati dall'Ungheria di Viktor Orban. La Germania è stata il Paese membro dell'Ue ad accogliere il maggior numero di richiedenti asilo dai campi profughi turchi istituiti nell'ambito di un accordo del 2016 concluso tra Bruxelles e Ankara per arginare il flusso di rifugiati che entravano in Europa. Da allora, secondo i dati della Commissione citati da Welt, Berlino ha reinsediato 9.967 dei 26.835 migranti portati in Europa.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

EuropaToday è in caricamento