Le cameriere spagnole vogliono il bollino anti-sfruttamento su Tripadvisor

L'associazione Las Kelly ha lanciato una campagna per ottenere sul popolare sito, oltre alle recensioni sulla qualità della struttura, anche una certificazione del rispetto dei diritti dei lavoratori

Attiviste di Las Kellys (da Instagram las_kellys)

Su Tripadvisor troviamo solitamente tutte le informazioni che ci servono per scegliere un albergo o un ristorante. Se le camere sono pulite, se il servizio è adeguato, se il cibo è buono. Ma che dire delle condizioni di lavoro dei dipendenti di questi posti? Perché non valutare anche quelle? In Spagna è stata partita una campagna proprio in questo senso. A lanciarla un gruppo per i diritti delle cameriere che si chiama Las Kelly, gioco di parole spagnolo che deriva da las que limpian (quelle che puliscono), e che sta conducendo una battaglia contro le esternalizzazioni che stanno portato a condizioni di lavoro insostenibili.

Las Kelly stanno promuovendo un marchio di qualità per gli hotel che trattano i lavoratori in maniera corretta, convinte che i clienti non sarebbero disposti a spendere 200 euro per una stanza sapendo che le dipendenti che la devono pulire vengono pagate 2 euro l'ora. E hanno chiesto a Tripadvisor di utilizzarla per segnalare agli utenti le strutture che non solo solo accoglienti, ma che sono anche corrette e rispettano i diritti dei lavoratori. L'azienda al momento però non ha ancora risposto all'appello. La coalizione politica di sinistra En Comú Podem ha proposto una riforma che metterebbe fuori legge le cattive pratiche nel settore, ma la portavoce delle Las Kellys, Vania Arana, ha spiegato: "Non possiamo aspettare fino a quando diventi realtà, quindi stiamo avviando questa campagna di buone pratiche negli hotel. Inviteremo i direttori a farci effettuare un'ispezione in modo che possano ricevere questo sigillo di approvazione".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Con la riforma del lavoro approvata dall'ex governo popolare le cameriere hanno visto i loro salari ridotti del 40% e il loro carico di lavoro è aumentato con gli alberghi che esternalizzano il loro lavoro alle agenzie. I contratti esternalizzati sembrano offrire le stesse retribuzioni (il minimo nazionale dovrebbe essere 1.200 euro al mese con settimane di 40 ore), ma nei fatti specificano che le cameriere devono pulire dalle 25 alle 30 camere in un turno di 6 ore e se non ce la fanno fanno straordinari con tariffe orarie ridotte a 3 o 4 euro l'ora.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'Ue "promuove" la Calabria sul Covid: unica regione verde in Italia e tra le poche in Europa

  • Il décolleté della premier divide la Finlandia: "Fa la modella invece di pensare al Covid"

  • Altro che Mes, l'Italia pronta a rinunciare anche ai prestiti del Recovery fund

  • Conte va via e lascia Merkel a rappresentare l'Italia al vertice Ue. La Lega attacca (ma è la prassi)

  • È vero che l'Ue vuole tassare la prima casa? Sì, ma solo se sei ricco

  • Il villaggio di Babbo Natale è in crisi per colpa del Covid

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
EuropaToday è in caricamento