Sigaretta elettronica, c'è la prima vittima in Europa?

Il caso di un 18enne belga morto per una polmonite sospetta. I medici collegano il decesso con l’uso dell’e-cigarette della madre. Analisi in corso per confermare o smentire l’ipotesi dei dottori

Non ce l’ha fatta il giovane ricoverato un mese fa in Belgio a causa di una polmonite. A soli 18 anni è morto dopo 26 giorni di coma lasciando aperti una serie di interrogativi legati al motivo di quei disturbi respiratori che gli sono stati fatali. Ma i medici della clinica universitaria Saint-Luc di Bruxelles sono giunti alla conclusione preliminare che la sigaretta elettronica e il suo liquido possano essere all'origine dell’infezione. A riportarlo sono i giornali locali, che hanno parlato con gli stessi medici che hanno seguito il giovanissimo paziente.

L'e-cigarette nel mirino

“Questa è la conclusione che abbiamo raggiunto”, commentano i medici con rifermento al presunto collegamento tra il decesso e l’uso dell’e-cigarette. Il paziente usava infatti la sigaretta elettronica della madre, la cui ricarica conteneva del cannabidiolo (CBD), una sostanza non psicoattiva della cannabis. “Non esiste alcuna certezza sul legame causa e effetto, perché nessuno studio che possa confermarlo è stato ancora condotto”, ha pi precisato il professore Luc Jacquet, uno dei medici che hanno avuto in cura il 18enne.

L'ipotesi dei medici

“Da quel che sappiamo - sottolinea il medico - numerose vittime di questo tipo di malattie polmonari hanno fumato miscele a base di cannabis con una sigaretta elettronica”. Il chiaro riferimento è alle tante vittime statunitensi della bionda 2.0, che hanno poi causato restrizioni al settore del vaping. 

Le miscele

“Dobbiamo aspettare - concludono i medici, in attesa delle analisi che riveleranno la causa all’origine decesso - ma per il momento consigliamo a chi usa le sigarette elettroniche ad essere particolarmente attenti a queste miscele”. Più che lo strumento in sé, a finire sotto accusa potrebbero essere le sostanze contenute nei liquidi, come accaduto negli Stati Uniti

La bionda 2.0 in Italia

Secondo le ultime statistiche, i fumatori italiani sono tra i più affezionati del mondo alla sigaretta elettronica. Il 12% dei tabagisti nel Belpaese fumano le bionde elettroniche, contro 13% nel Regno Unito e Stati Uniti, i 14% in Francia e il 20% in Cina, regina mondiale per uso di e-cigarette tra i fumatori. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'Ue "promuove" la Calabria sul Covid: unica regione verde in Italia e tra le poche in Europa

  • Il décolleté della premier divide la Finlandia: "Fa la modella invece di pensare al Covid"

  • Altro che Mes, l'Italia pronta a rinunciare anche ai prestiti del Recovery fund

  • Conte va via e lascia Merkel a rappresentare l'Italia al vertice Ue. La Lega attacca (ma è la prassi)

  • È vero che l'Ue vuole tassare la prima casa? Sì, ma solo se sei ricco

  • Il villaggio di Babbo Natale è in crisi per colpa del Covid

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
EuropaToday è in caricamento