rotate-mobile
Lunedì, 6 Dicembre 2021
Attualità

È il Paese più vaccinato d'Europa, ma anche in Portogallo tornano le restrizioni

Mascherine al chiuso, Green pass in ristoranti, alberghi e palestre, obbligo di test anche per gli immunizzati per andare in locali notturni e grandi eventi, ritorna il telelavoro

È la nazione con il più alto tasso d vaccinazioni dell'Unione europea, ma questo purtroppo non è bastato per risparmiare al Portogallo il ritorno delle restrizioni per fermare l'avanzata del coronavirus. "Non importa quanto successo abbia avuto la vaccinazione, dobbiamo essere consapevoli che stiamo entrando in una fase di maggior rischio", ha detto ieri il premier Antonio Costa nell'annunciare la stretta in una conferenza stampa. "Abbiamo visto una crescita significativa dei casi nell'Ue, e il Portogallo non è un'isola", ha aggiunto, spiegando che il peggioramento della situazione ha portato all'aumento dei ricoveri e dei decessi.

Per questo a partire dal primo dicembre l'ingresso in locali notturni, bar, grandi eventi e case di riposo sarà subordinato alla presentazione di un test Covid-19 negativo, anche per chi è stato vaccinato, con la chiusura totale dei locali dal 2 al 9 gennaio, cioè nel periodo immediatamente successivo alle feste di Natale. Il capo del governo ha spiegato che questa “settimana di contenimento mira a garantire che dopo un periodo di intenso contatto e vita familiare, si eviti il mescolamento di persone provenienti da famiglie diverse”.

Il Green Pass normale sarà invece di nuovo necessario per soggiornare in hotel, andare in palestra o cenare al chiuso nei ristoranti. "È fondamentale che le persone si sentano sicure andando al ristorante, facendo shopping, partecipando alla vita normale. Il certificato digitale non è una barriera, al contrario, è una garanzia di sicurezza", ha detto il permier, sostenendo che con l'87 per cento della popolazione vaccinata il Green Pass è praticamente "universale".

Torna anche il telelavoro, che viene fortemente consigliato e reso obbligatorio sempre nella settimana dal due al nove gennaio. L'uso delle mascherine sarà nuovamente obbligatorio in tutti gli spazi chiusi nell'ambito , e secondo il premier, il provvedimento è uno dei tre principali strumenti per contenere la pandemia di Covid-19, insieme al rafforzamento dei test e all'utilizzo dei certificati digitali.

Per entrare nel Paese bisognerà fare un test Pcr o uno rapido dell'antigene, rispettivamente 72 o 48 ore prima della partenza, anche per chi ha ricevuto le dosi. Le compagnie aeree che faranno imbarcare persone senza il test saranno multate di 20mila euro per ognuno di loro. In Portogallo ci sono stati 3.773 nuovi casi mercoledì, la cifra giornaliera più alta in quattro mesi, per poi scendere a 3.150 giovedì. I decessi rimangono però molto al di sotto dei livelli osservati a gennaio, quando il Paese ha affrontato il picco più alto di contagi.

Circa l'87% dei poco più di 10 milioni di abitanti della nazione è completamente vaccinata contro il coronavirus, cosa che aveva finora permesso di eliminare la maggior parte delle sue restrizioni dovute alla pandemia. Costa ha sottolineato che il Paese deve continuare a scommettere sulle dosi per controllare la pandemia e le autorità sanitarie sperano di poter fare il richiamo a un quarto della popolazione del paese entro la fine di gennaio. "La vaccinazione ci ha permesso di salvare vite", ha detto il premier.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

È il Paese più vaccinato d'Europa, ma anche in Portogallo tornano le restrizioni

Today è in caricamento