rotate-mobile
Giovedì, 9 Dicembre 2021
Attualità

Von der Leyen alla Polonia: "Le sentenze Ue sono vincolanti, useremo tutti i poteri"

La replica della presidente della Commissione dopo la sentenza della Corte suprema di Varsavia

"Useremo tutti i poteri che abbiamo in base ai trattati per assicurare" il primato del diritto Ue su quelli nazionali, incluse "le disposizioni costituzionali. E' quello che tutti gli Stati membri dell'Ue hanno sottoscritto, come membri dell'Unione Europea". Lo sottolinea la presidente della Commissione Europea Ursula von Der Leyen, dopo la sentenza di ieri del Tribunale costituzionale polacco, che ha stabilito l'incompatibilità tra alcuni articoli del Tue e la Costituzione polacca.

Von der Leyen è "profondamente preoccupata" per la sentenza e ha dato disposizioni ai servizi della Commissione di "analizzarla a fondo e rapidamente. Su questa base, decideremo i prossimi passi. L'Ue è una comunità di leggi e di valori: è questo che tiene l'Unione insieme e che ci rende forti. Difenderemo i principi fondatori dell'ordinamento giuridico dell'Ue. La nostra priorità è assicurare che i diritti dei cittadini polacchi vengano protetti e che godano dei benefici dell'appartenenza all'Ue. I cittadini Ue, come le imprese attive in Polonia, devono avere la certezza giuridica che le regole Ue, incluse le sentenze della Corte di Giustizia, vengono pienamente applicate in Polonia". I trattati, conclude von Der Leyen, "sono molto chiari. Tutte le sentenze della Corte di Giustizia sono vincolanti per gli Stati membri, inclusi i tribunali nazionali".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Von der Leyen alla Polonia: "Le sentenze Ue sono vincolanti, useremo tutti i poteri"

Today è in caricamento