rotate-mobile
Martedì, 9 Agosto 2022
Doppi standard / Polonia

La Polonia ha completato il muro anti migranti sul confine con la Bielorussia

Se Varsavia ha aperto le sue porte ai rifugiati provenienti dall'Ucraina, per fermare quelli che provano ad arrivare dall'altro vicino ha costruito una recinzione d'acciaio di 186 chilometri

La Polonia ha completato la costruzione di un nuovo muro di confine di 186 chilometri al confine con la Bielorussia per impedire l'ingresso di migranti dal Paese governato da Alexander Lukashenko. Il primo ministro Mateusz Morawiecki e gli alti funzionari della sicurezza hanno visitato la zona di confine ieri per celebrare il completamento dell'opera costata 353 milioni di euro e che è fatta di acciaio e alta 5,5 metri. Oggi Varsavia dovrebbe anche revocare lo stato di emergenza che ha impedito a giornalisti e operatori dei diritti di entrare nella regione di confine.

"Il primo segnale della guerra in Ucraina è stato l'attacco del presidente bielorusso Lukashenko al confine polacco", ha dichiarato in una conferenza stampa Morawiecki . Le autorità di Varsavia ritengono che Minsk abbia usato i migranti come strumento per innescare tensioni dal 2021, quando decine di migliaia di persone, per lo più provenienti dal Kurdistan iracheno, hanno cercato di entrare in Polonia, Lituania e Lettonia attraverso il Paese ex sovietico e uno dei principali alleati della Russia di Vladimir Putin.

I due confini polacchi: uno aperto per gli ucraini, nell'altro un muro per gli altri rifugiati

Almeno 20 persone sono morte tra la Bielorussia e la Polonia in condizioni di gelo nell'ultimo anno. I gruppi per i diritti umani hanno accusato Varsavia di adottare due pesi e due misure, accogliendo milioni di ucraini in fuga dall'invasione russa e bloccando al contempo l'ingresso di rifugiati, per lo più asiatici, attraverso la Bielorussia. "Se dai un passaggio a un rifugiato al confine ucraino sei un eroe. Se lo fai al confine bielorusso sei un contrabbandiere e potresti finire in prigione per otto anni", ha denunciato Natalia Gebert, fondatrice e amministratore delegato di Dom Otwarty, una Ong polacca che aiuta i rifugiati. Un rapporto di Human Rights Watch di questo mese ha affermato che la Polonia "illegalmente, e talvolta con violenza, respinge migranti e richiedenti asilo in Bielorussia, dove subiscono gravi abusi, tra cui percosse e stupri da parte delle guardie di frontiera e di altre forze di sicurezza".

I leader dell'Ue hanno accusato Lukashenko di condurre una "guerra ibrida" per vendicarsi delle sanzioni imposte dal blocco per il trattamento riservato dal regime ai dissidenti. Il governo polacco sostiene che la Russia sia complice. Anche se la migrazione è rallentata durante l'inverno, le persone hanno continuato a cercare di entrare nell'Ue attraverso la Polonia, una rotta considerata meno pericolosa dell'attraversamento del Mar Mediterraneo, dove molti sono annegati negli anni passati, ha detto Gebert.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Polonia ha completato il muro anti migranti sul confine con la Bielorussia

Today è in caricamento