Plastica riciclata da rifiuti pericolosi, a rischio anche giocattoli e oggetti per bambini

Uno studio su 430 prodotti in circolazione in 19 Paesi ha rilevato che ben 109 presentavano concentrazioni di agenti chimici altamente dannosi

ANSA/ STEFANIA PASSARELLA

Uno studio su 430 prodotti in circolazione in 19 Paesi ha rilevato che ben 109 presentavano concentrazioni di agenti chimici altamente dannosi Dalle forchette colorate alle macchinine, dai diademi da principessa all'omino robot. Un’analisi compiuta da una squadra di esperti in salute ambientale su oltre 400 tra giocattoli, accessori per capelli e posate per bambini ha lanciato l'allarme per la presenza di sostanze tossiche in diversi oggetti prodotti con plastica riciclata, che sarebbe stata creata usando materiali dannosi. Tra i composti chimici esaminati negli articoli per minori vi sarebbero anche sostanze derivanti da rifiuti elettronici pericolosi per la salute tiroidea o che potrebbero avere effetti neurologici e causare deficit d’attenzione. Lo studio, finanziato da varie Ong attive nella protezione dei consumatori e dell’ambiente, ha dimostrato che dei 430 prodotti in circolazione in 19 Paesi, tra cui non figura l’Italia, ben 109 presentano concentrazioni di agenti chimici altamente pericolosi per la salute. Gli studiosi hanno inoltre valutato che 50 di questi articoli per bambini non sarebbero conformi al Regolamento europeo sugli inquinanti organici persistenti. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nessuno darebbe consapevolmente ai bambini rifiuti tossici con cui giocare” , ha detto Genon Jensen, co-autore dello studio e direttore esecutivo dell’Health and Environment Alliance (HEAL). “Attualmente le regole Ue permettono che alcuni dei materiali più pericolosi della plastica possano essere riciclati. Ma oggi gli eurodeputati hanno l’onere collettivo di impedire questo sotterfugio tossico per proteggere la salute delle persone”.  Gli autori dello studio fanno quindi appello all’Europarlamento per respingere ogni tipo di esenzione agli standard qualitativi per la plastica riciclata in modo da mettere fine alla presenza delle sostanze pericolose non solo sui giocattoli, ma anche sugli altri prodotti che entrano nelle nostre case o che usiamo nella vita quotidiana. Il voto della plenaria degli eurodeputati si terrà a Strasburgo il prossimo 22 ottobre. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'Ue "promuove" la Calabria sul Covid: unica regione verde in Italia e tra le poche in Europa

  • Il décolleté della premier divide la Finlandia: "Fa la modella invece di pensare al Covid"

  • Altro che Mes, l'Italia pronta a rinunciare anche ai prestiti del Recovery fund

  • Conte va via e lascia Merkel a rappresentare l'Italia al vertice Ue. La Lega attacca (ma è la prassi)

  • È vero che l'Ue vuole tassare la prima casa? Sì, ma solo se sei ricco

  • Il villaggio di Babbo Natale è in crisi per colpa del Covid

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
EuropaToday è in caricamento